Cavaliere statua di re Ludwig I.

Re Ludwig I

Senza badare a spese

Tra tutti i re bavaresi, Ludwig I è quello che ha lasciato l’impronta più importante sul paesaggio urbano di Monaco. La sua intenzione era impressionare le persone dentro e fuori la Baviera con numerosi nuovi edifici nello stile degli antichi. E ci riuscì.

Molte persone associano la capitale del Land al “re delle favole”, Ludwig II. Tuttavia, ad essere sinceri, Ludwig II non era poi così affezionato al suo luogo di nascita, piuttosto cercava l’isolamento nelle montagne bavaresi, dove ha lasciato numerosi castelli.

Suo nonno, Ludwig I, era molto diverso: già in qualità di principe ereditario bavarese, progettò chiese, monumenti e musei per la sua città di residenza, edifici che continuano a plasmare il volto di Monaco ancora oggi. Nel 1804, all’età di 18 anni, fece un viaggio in Italia che accese il suo entusiasmo per l’antichità e il Rinascimento.

Gli edifici lungo Ludwigstraße testimoniano ancora il suo amore per il Bel Paese: ad esempio, la Feldherrenhalle su Odeonsplatz è chiaramente una copia della Loggia dei Lanzi a Firenze.

Nel 1830, con la Glyptothek sulla Königsplatz, Ludwig I inaugurò il primo museo pubblico d’Europa, per il quale fece portare a Monaco di Baviera dalla Grecia e da Roma reperti famosi come il gruppo scultoreo del tempio di Afaia sull’isola greca di Egina o il Fauno Barberini. La collezione di antichità e i propilei hanno completato l’aspetto di ispirazione greca di Königsplatz e hanno fatto guadagnare a Monaco il soprannome di «Atene sull’Isar».

I musei di Königsplatz e le pinacoteche, anch’essi costruiti sotto Ludwig I, posero le basi per il paesaggio museale dell’attuale Kunstareal. Anche la statua della Bavaria e la Ruhmeshalle sul Theresienwiese furono costruiti durante il suo regno. «Voglio fare di Monaco una città che faccia talmente onore alla Germania che nessuno possa dire di conoscere la Germania se non ha visto Monaco!» Questo era il piano che il re portò a compimento. Alla fine del regno di Ludwig I, a metà del XIX secolo, Monaco era in grado di competere con altre città d’arte come Parigi.

Dobbiamo ringraziare il monarca per altre due istituzioni tipiche di Monaco: i biergarten e l’Oktoberfest. Oltre duecento anni fa, nel 1810, una corsa di cavalli in occasione del matrimonio di Ludwig con Teresa di Sassonia-Hildburghausen diede vita alla tradizione della più grande festa popolare del mondo. Il luogo scelto, il Theresienwiese (lett. il prato di Teresa), prese il nome da sua moglie. Dal 1835, l’Oktoberfest inizia con una sfilata in costume tradizionale che si tiene il primo fine settimana della festa.

Questa iniziativa fu anche il risultato di un calcolo politico, dato che Ludwig I doveva affrontare il difficile compito di integrare i nuovi territori annessi, come la Franconia e la Svevia. La prima sfilata in costume tradizionale, in occasione delle nozze d’argento del re, fu anche una vetrina per i sudditi bavaresi, con i loro costumi tipici, provenienti da tutti i territori governativi.

All’origine dei tipici biergarten bavaresi ci fu il permesso reale di servire birra direttamente nei birrifici, all’ombra di grandi castagni piantati direttamente sopra le cantine nella roccia. Ancora oggi è possibile consumare il cibo che si è portato con sé, accompagnato da un Maß, il tradizionale boccale da un litro, appena spillato.

Nell’anno rivoluzionario 1848, Ludwig I abdicò e consegnò il trono a suo figlio Massimiliano II. La ragione della sua prematura abdicazione fu lo scandalo associato alla sua relazione con la ballerina Lola Montez, oltre alla sua chiusura allo zeitgeist politico e la sua ferma opposizione alla transizione verso una monarchia costituzionale. Non voleva essere un «semplice re firmatario».

 

 

Foto: Jörg Lutz
Top Stories
Monopteros in the Englischer Garten in Munich.

Il passaggio est-ovest

Monaco è un villaggio,  no?

Monaco è un villaggio in cui tutto si può scoprire a piedi. Lo si sente dire di continuo. Ma è vero? Lo abbiamo provato per voi.

A man with beard, glasses and a tattooed forearm is standing in the Neue Pinakothek in Munich.

Tutti i punti salienti in un unico tour

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco.

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro proposte di tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco. La nostra guida artistica per chi ha fretta.

Un piatto di maiale arrosto alla Gasthaus Fiedler

Panoramica: tutto sulla cucina bavarese

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora Monaco è il posto giusto!

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora siete nel posto giusto! Monaco può anche vantare il pub più famoso del mondo.

Tegernseer Hütte con la moglie sulle prealpi bavaresi intorno a Monaco.

10 min dalla stazione centrale

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

Una bicicletta si trova sulla Odeonsplatz di Monaco di Baviera.

Tour dei punti salienti

Un tour in bicicletta tranquillo che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Centro storico, Englischer Garten, lato a monte del fiume Isar, Deutsches Museum, Isartor, Alter Hof e ritorno a Marienplatz; un tour in bicicletta che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Un bicchiere di birra in un ristorante di Monaco

Dimmi cosa bevi...

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una piccola tipologia delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una piccola tipologia delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

7 curiosità che ancora non sapevate sulla Hofbräuhaus

Verissimo: è stato un prussiano a rendere famosa la Hofbräuhaus.

L'Hofbräuhaus è probabilmente il pub più famoso del mondo. Abbiamo raccolto sette cose che probabilmente non sapevate ancora. Oppure no?

Glockenspiel nel nuovo municipio di Monaco di Baviera.

Il Glockenspiel in dieci immagini

Uno sguardo esclusivo dietro le quinte.

Il carillon attira da oltre 100 anni i visitatori e gli abitanti del luogo. Quello che molte persone non sanno è che  qui il vero lavoro manuale è ancora fatto, giorno dopo giorno, proprio come in passato.

Employees of Munich Tourism in costume in the Bavarian Outfitters in Munich

Da dirndl vintage e pantaloni di pelle di cervo

Dall'usato ai grandi magazzini tradizionali - ci siamo cimentati nella scelta dei costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Seconda mano, etichetta locale, grande magazzino tradizionale e servizio di prestito - ci siamo cimentati nella selezione di costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

A view of a church reflected in a shop window in Munich.

Il paradiso dello shopping

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Uomo e donna in canoa sull'Isar.

Isar-Roamers

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Una giovane donna sorride nel Valentin-Karlstadt-Musäum di Monaco.

Mostre di qualità

Il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Dalla Residenz al museo della birra e all'Oktoberfest: il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Munich Card e City Pass

Semplicemente Monaco: Arte e natura a portata di mano risparmiando tempo e denaro.

Trasporto pubblico incluso

Sconti con la Munich Card, price off con il City Pass

Online o negli uffici di informazione turistica

Prenota ora!