Ludwigstraße al sole del pomeriggio a Monaco di Baviera

I magnifici viali di Monaco

Cinque viali pieni di arte e splendore

A Monaco è di casa la bellezza. Gli abitanti e i visitatori lo sperimentano in ogni angolo della città, soprattutto durante una passeggiata lungo i quattro viali: Maximilianstraße, Prinzregentenstraße, Briennerstraße e Ludwigstraße. E anche la «Leo» è da non perdere.

Maximilianstraße: Stile - Style - Stil

Maximilianstraße è il viale del lusso più conosciuto e più costoso di Monaco. Insieme a Prinzregentenstraße, Ludwigstraße e Brienner Straße, Maximilianstraße nella città vecchia è uno dei quattro viali di principale importanza urbanistica di Monaco.

Maximilianstraße inizia dalla Residenz e corre dritto verso l’Isar. L’Hotel Vier Jahreszeiten e il Münchner Kammerspiele gli conferiscono un fascino distinto e artistico. Il governo dell’Alta Baviera, il Museum Fünf Kontinente (Cinque Continenti) di fronte e la Praterinsel indicano la strada verso il coronamento di Maximilianstraße, il magnifico edificio Maximilianeum nel quartiere di Haidhausen, sede del Parlamento bavarese.

Questo viale lussuoso risale al XIX secolo. Il re Massimiliano II lo fece costruire dal suo architetto, Georg Friedrich Bürklein, nello stile unico del sovrano, che combina elementi di diverse epoche stilistiche come il neogotico e il rinascimentale.

Quasi tutti i marchi internazionali di moda e gioielleria di lusso hanno un negozio qui con grandi vetrine: case di moda come Armani, Louis Vuitton e Gucci, gioiellerie come Bulgari e anche prestigiose gallerie d’arte. È un posto meraviglioso per passeggiare, godersi il fascino dei suoi edifici e ammirare oggetti costosi nelle vetrine decorate come opere d’arte. Si dice che la attraversino in media 3.000 passanti ogni ora. Se la passeggiata è troppo lunga, potete facilmente prendere il tram della linea 19 e godervi un tour spontaneo della città.

 

Prinzregentenstraße: Leggerezza e relax con un tocco artistico

Parallela a Maximilianstraße, un po’ più a nord, si snoda Prinzregentenstraße, un monumento architettonico protetto e un must per gli amanti dell’arte. Fu costruita verso la fine del XIX secolo per ordine del Principe reggente Luitpold. A differenza di Ludwigstraße e di Maximilianstraße, Prinzregentenstraße non fu mai pianificata come centro amministrativo. Fin dall’inizio è stata concepita come una strada borghese e nobile. Per questo motivo, non inizia con un simbolo come la magnifica Feldherrnhalle, che si trova su Ludwigstraße. No, Prinzregentenstraße inizia casualmente con un parco e sbocca altrettanto casualmente nell’autostrada A94.

Si parte dal Prinz-Carl-Palais nel quartiere di Lehel, nel punto di intersezione tra l’Englischer Garten e Hofgarten. Attraverso l’onda sull’Eisbach, la Eisbachwelle, Prinzregentenstraße porta al Friedensengel e al Prinzregententheater e a Prinzregentenplatz. La strada non presenta neppure edifici enormi: anche il Bayerisches Nationalmuseum fu progettato da Gabriel von Seidl, in modo tale che diverse piccole unità creassero l’effetto di una piazza. Durante l’era nazista, Hitler fece erigere enormi edifici come la Haus der Kunst e demolire svariate abitazioni cittadine, così la leggerezza di Prinzregentenstraße andò parzialmente perduta.

Qui si trovano numerosi consolati e musei famosi. La Haus der Kunst è un centro di rilevanza mondiale con esposizioni temporanee di arte contemporanea. Nel vicino Bayerisches Nationalmuseum, 1.500 anni di storia bavarese sono rappresentati con mostre e collezioni. Una visita alla collezione di presepi, una delle più preziose ed estese al mondo dal punto di vista artistico, è particolarmente consigliata durante l’Avvento.

Proseguendo in direzione dell’Isar, si raggiunge la Sammlung Schack, una sede distaccata delle pinacoteche con dipinti del XIX secolo. Sulla riva opposta dell’Isar, a Bogenhausen, si trova la residenza e lo studio di Franz von Stuck, Villa Stuck, in stile Art Nouveau. Ospita regolarmente mostre sull’arte del Novecento e sull’arte moderna e contemporanea.
Piccolo consiglio: l’autobus della linea 100 della MVG, la linea dei musei, percorre Prinzregentenstraße ed è un buon modo per scoprire i musei e le attrazioni. Anche la linea 19 dello Straßenbahn è ideale come Sightseeing tour.

 

Brienner Straße: Vita sofisticata ma in relax

Brienner Straße inizia vicino a Odeonsplatz e conduce a ovest attraverso Wittelsbacher Platz, Karolinenplatz e Königsplatz, terminando a Stiglmaierplatz. Una volta era la via dei principi Wittelsbach, lungo il quale i reggenti bavaresi si facevano trasportare dal castello di Nymphenburg alla Residenz in carrozza. Oggi, Nymphenburger Straße è il prolungamento diretto di Brienner Straße.

La strada prende il nome dalla battaglia di Brienne sotto Napoleone nel 1814. Tra il 1805 e il 1820, il re Massimiliano I Giuseppe fece costruire un sobborgo settentrionale che prese anch’esso il suo nome: Maxvorstadt. Famosi architetti e urbanisti come Leo von Klenze, Friedrich Ludwig von Sckell e Carl von Fischer svilupparono quello che allora era la Königsweg in un viale con edifici imponenti.

Nel 1812, fu costruito il palazzo Luitpoldblock, in cui il famoso Café Luitpold aprì nel 1888 – un gioiello architettonico e uno dei più grandi caffè d’Europa. Artisti famosi di vari campi – come Frank Wedekind, Stefan George e Erich Mühsam – si incontravano nelle oltre 15 sale e ritrovi di società, compresa la prima sala da biliardo con 16 tavoli. Si dice che Wassily Kandinsky e Paul Klee abbiano fondato qui nel 1911 il gruppo di artisti Blauer Reiter.

La Seconda guerra mondiale mise fine alla vita mondana sulla Brienner Straße. Il Café Luitpold venne parzialmente distrutto dalle bombe. Dopo la guerra, gli abitanti e gli ospiti non trovarono più questo angolo del centro città particolarmente invitante. Fu solo negli anni Sessanta che la vita tornò a passeggiare per questo viale di lusso. Il Café Luitpold fu riaperto – anche se in una forma molto semplificata come giardino di palme. Per un certo periodo, Chanel, Cartier & Co. hanno reso la strada più elegante, fino a quando le boutique di lusso si sono spostate in Maximilianstraße.

Tuttavia molti nuovi negozi e gallerie d’arte si sono trasferiti qui. Anche marchi eleganti come Missoni hanno la loro sede nel Luitpoldblock. Se state cercando qualità, ottimo artigianato, regali personalizzati e prodotti sostenibili, questo viale non vi deluderà.

 

Ludwigstraße:  Come in Italia

Quanto il re Ludovico I amasse Monaco e l’Italia risulta evidente in Ludwigstraße, che porta il suo nome: ovunque magnifici edifici, modellati su case e porte di Firenze e Roma. È la prima strada in Rundbogenstil, uno stile neoromanico con archi a tutto sesto, e la prima ad essere stata asfaltata a Monaco.

Eppure la magnifica Ludwigstraße nel Maxvorstadt rischiò di non essere mai realizzata. Il Münchner Magistrat, il consiglio comunale dell’epoca, aveva deciso nel 1808 di espandere la città verso nord. Ma quando il re Ludovico I, allora ancora principe ereditario, prese in mano la questione, il progetto divenne più grande e magnifico del previsto. Il re voleva un viale lungo un chilometro da Odeonsplatz a sud fino all’attuale Siegestor a nord. Troppo lungo, decise il consiglio comunale: Monaco non sarebbe cresciuta così tanto in 100 anni. Solo quando Ludovico I minacciò di spostare la sua Residenz a Ingolstadt o Regensburg, il consiglio cedette e approvò i piani.

Il re aveva progetti ambiziosi, voleva che Ludwigstraße incarnasse i pilastri del suo regno: scienza e arte, cristianesimo cattolico romano e governo reale. Nel 1816 commissionò a Leo von Klenze il progetto generale della strada, che nel 1827 passò a Friedrich von Gärtner. Entrambi gli architetti crearono edifici imponenti: von Klenze principalmente nel segmento meridionale e in stile neorinascimentale, von Gärtner nella sezione settentrionale con elementi neoromantici. Von Klenze e von Gärtner riuscirono a creare una magnifica sintesi artistica in una straordinaria opera a quattro mani.

Re Ludovico I aveva portato questi due architetti di città a Monaco; durante la loro vita, furono eterni avversari quando si trattava di abbellire la città e di reinventarla, e ciò fu una grande fortuna per Monaco. Le idee di Von Klenze e von Gärtner modellano ancora oggi il paesaggio urbano.

Sulla Ludwigstraße, Friedrich von Gärtner costruì straordinari edifici lungo il viale, come la famosa Feldherrnhalle, modellata sulla Loggia dei Lanzi a Firenze. La Bayerische Staatsbibliothek, la Biblioteca di Stato, che la gente del posto chiama semplicemente “Stabi”, ospita dieci milioni di libri, periodici, stampe, una delle collezioni di manoscritti più importanti al mondo e una copia delle circa 180 Bibbie di Gutenberg tuttora esistenti.

Qualche metro più in là si ergono le due guglie della chiesa Ludwigskirche con il suo tetto a mosaico colorato. All’altezza della piazza Professor-Huber-Platz e della Geschwister-Scholl-Platz, con le loro fontane, si trova l’edificio principale della Ludwig-Maximilians-Universität. Con più di 50.000 studenti, questa università d’élite è la seconda più grande della Germania.

 

Leopoldstraße: Una strada celebrativa ricca di sculture moderne

Al termine di Ludwigstraße inizia Leopoldstraße – la transizione al Siegestor è così fluida che anche i locali spesso confondono le due strade. Leopoldstraße non è più considerata uno dei viali architettonici di Monaco, ma è ancora bella e leggendaria. Prende il nome dal principe Leopoldo di Baviera, figlio del successivo principe reggente Luitpold di Baviera, dopo l’incorporazione nel comune di Schwabing nel 1891.

Con i suoi alberi alti e i suoi larghi cordoli, il viale è lungo quasi quattro chilometri e attraversa i quartieri di Maxvorstadt, Schwabing e Milbertshofen. Molti caffè e ristoranti fiancheggiano la strada, così come l’Akademie der Bildenden Künste, il Leopoldpark e il rosa “Schweinchenbau” con il refettorio della Ludwig-Maximilians-Universität, dove spesso si tiene un mercatino di libri e arte di seconda mano.

Soprattutto nella parte sud di Leopoldstraße si trovano magnifici edifici come la villa di Lola Montez, un’amante di Ludovico I, e un palazzo in stile Art Nouveau neoclassico, che oggi ospita la Bayerische Rückversicherung. È poi difficile non vedere la grande scultura The Walking Man dell’artista statunitense Jonathan Borofsky, alta 17 metri, che simboleggia il dinamismo e la volontà di andare avanti.

Più a nord, su 18 supporti, si erge la struttura in acciaio bianco-verde-neon della fermata Münchner Freiheit, con un design dal tocco artistico. Qui il giovedì si tiene un mercato e in dicembre uno dei più bei mercatini di Natale, decorato con palloncini dai colori vivaci. Intorno a Feilitzschstraße, a est della “Freiheit”, si trova un popolare quartiere pieno di locali.

Su Leopoldstraße si svolgono ogni anno grandi eventi come la München Marathon, il Corso Leopold e la parata del giorno di San Patrizio. Quando c’è da festeggiare dopo una Coppa del Mondo o un Campionato Europeo di calcio, o quando il FC Bayern München vince il campionato, tutta la città si riunisce qui come se si fosse data appuntamento: ci vediamo sulla “Leo”.

 

 

Text: Veronika Beer, Fotos: Dominik Morbitzer, Sigi Müller, Sven Kolb, Frank Stolle, Redline Enterprises
Top Stories
Monopteros in the Englischer Garten in Munich.

Il passaggio est-ovest

Monaco è un villaggio,  no?

Monaco è un villaggio in cui tutto si può scoprire a piedi. Lo si sente dire di continuo. Ma è vero? Lo abbiamo provato per voi.

A man with beard, glasses and a tattooed forearm is standing in the Neue Pinakothek in Munich.

Tutti i punti salienti in un unico tour

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco.

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro proposte di tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco. La nostra guida artistica per chi ha fretta.

Un piatto di maiale arrosto alla Gasthaus Fiedler

Panoramica: tutto sulla cucina bavarese

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora Monaco è il posto giusto!

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora siete nel posto giusto! Monaco può anche vantare il pub più famoso del mondo.

Tegernseer Hütte con la moglie sulle prealpi bavaresi intorno a Monaco.

10 min dalla stazione centrale

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

Una bicicletta si trova sulla Odeonsplatz di Monaco di Baviera.

Tour dei punti salienti

Un tour in bicicletta tranquillo che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Centro storico, Englischer Garten, lato a monte del fiume Isar, Deutsches Museum, Isartor, Alter Hof e ritorno a Marienplatz; un tour in bicicletta che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Un bicchiere di birra in un ristorante di Monaco

Dimmi cosa bevi...

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una lista delle più importanti birre di Monaco - e dei loro amanti.

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una lista delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

7 curiosità che ancora non sapevate sulla Hofbräuhaus

Verissimo: è stato un prussiano a rendere famosa la Hofbräuhaus.

L'Hofbräuhaus è probabilmente il pub più famoso del mondo. Abbiamo raccolto sette cose che probabilmente non sapevate ancora. Oppure no?

Glockenspiel nel nuovo municipio di Monaco di Baviera.

Il Glockenspiel in dieci immagini

Uno sguardo esclusivo dietro le quinte.

Il carillon attira da oltre 100 anni i visitatori e gli abitanti del luogo. Quello che molte persone non sanno è che  qui il vero lavoro manuale è ancora fatto, giorno dopo giorno, proprio come in passato.

Employees of Munich Tourism in costume in the Bavarian Outfitters in Munich

Da dirndl vintage e pantaloni di pelle di cervo

Dall'usato ai grandi magazzini tradizionali - ci siamo cimentati nella scelta dei costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Seconda mano, etichetta locale, grande magazzino tradizionale e servizio di prestito - ci siamo cimentati nella selezione di costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Uomo e donna in canoa sull'Isar.

Isar-Roamers

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

A view of a church reflected in a shop window in Munich.

Il paradiso dello shopping

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Una giovane donna sorride nel Valentin-Karlstadt-Musäum di Monaco.

Mostre di qualità

Il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Dalla Residenz al museo della birra e all'Oktoberfest: il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Munich Card e City Pass

Semplicemente Monaco: Arte e natura a portata di mano risparmiando tempo e denaro.

Trasporto pubblico incluso

Sconti con la Munich Card, price off con il City Pass

Online o negli uffici di informazione turistica

Prenota ora!