Bavaria in Munich.

Intervista: Birgit Stempfle

Le donne di Monaco – Birgit Stempfle ci racconta dei suoi luoghi preferiti

La cultura di Monaco è caratterizzata da donne straordinarie. Nell’ambito dell’autunno culturale, ve ne presentiamo alcune. Stavolta tocca a: Birgit Stempfle. La guida ufficiale della città racconta le avvincenti storie che si celano dietro luoghi celebri di Monaco e che, in passato, sono stati fortemente caratterizzati dalle donne.

La Bavaria: un amore non corrisposto

“È la donna che viene in mente a molti turisti appena si menziona la parola ‘Monaco’: la Bavaria. Madre ufficiale della Baviera e monumento nazionale. Ma chiunque sia stato almeno una volta all’Oktoberfest, la conosce come la donna che troneggia per oltre 18 metri sul parco Theresienwiese, e ai cui piedi qualche ospite si riposa oppure cerca di approcciare l’ultima conoscenza.

Per così dire, anche l’origine della statua proviene da un rapporto complicato: la vera bozza della Bavaria fu opera di Leo Klenze, architetto di corte ufficiale del re Ludwig I di Baviera, tuttavia venne realizzata dallo scultore Ludwig von Schwanthaler, il quale aveva tutt’altra concezione rispetto al classicista Klenze, il cui progetto ricordava piuttosto un’Atena dell’acropoli.

Video: Senza donne niente funziona

Schwanthaler aveva un modello realistico: in quel tempo, era innamorato di una donna di nome Cornelia e si ispirò al suo aspetto. Il problema era che non solo Cornelia era già sposata, ma era anche la moglie del suo committente. Pare che, la corteggiata, durante la cerimonia di inaugurazione, svenne dopo aver guardato una sola volta il suo gigantesco ritratto.

La Frauenkirche: un destino sconosciuto

“Che la Frauenkirche abbia una relazione con le donne, è evidente. Il nome ufficiale dell’edificio è “Duomo di Nostra Signora”, con il quale si intende naturalmente Maria, la Madonna. Tuttavia, a guardarlo, non posso fare a meno di pensare a un’altra, tragica storia di una donna. Il 14 gennaio 1785 la giovane monacense Fanny von Ickstatt si gettò dalla torre nord del duomo.

Dopo l’evento, sul suo comodino venne trovato il libro di Goethe ‘I dolori del giovane Werther’. In quel periodo, l’opera aveva già quasi dieci anni, ma continuava a essere letta volentieri, e spesso purtroppo imitata. Anche l’appena diciassettenne Maria Franzisca Magdalena Freiin von Ickstatt soffriva per amore. Sognava infatti un futuro con il luogotenente Franz von Vincenti. Purtroppo, la madre di Fanny non considerava l’uomo abbastanza all’altezza per sua figlia, e vietò il matrimonio.

Persino Goethe visitò il luogo dell’accaduto quando, il 6 settembre 1786, pernottò a Monaco per il suo viaggio in Italia.

Poiché però Franz continuava a entrare e uscire dalla casa, iniziò molto presto a girare la voce che, mentre ufficialmente corteggiasse la figlia, in realtà andasse a letto con la madre. Non sappiamo se Fanny diede credito a quelle chiacchiere. Certo è che, non essendosi il suo ammiratore presentato a un appuntamento, lei salì sulla parete anteriore della torre nord e si buttò nel vuoto.

Una morte che gettò Monaco nello scompiglio per molti mesi. Persino Goethe visitò il luogo dell’accaduto quando, il 6 settembre 1786, pernottò a Monaco per il suo viaggio in Italia.”

Il padiglione Amalienburg: una facciata splendente

“Per me è l’edificio più bello di Monaco: l’Amalienburg nel parco del Schloss Nymphenburg (castello). Il principe elettore Carlo VII lo fece costruire tra il 1734 e il 1739 in onore di sua moglie Maria Amalia. Questo castello da caccia venne concepito in stile rococò ed è uno dei pochi castelli a possedere lo stucco argenteo. È proprio in questa dotazione che risiede la sua speciale femminilità: al tempo, l'argento era considerato il colore della luna che, in latino, è di genere femminile. Contrariamente al sole dorato e maschile.

L'eletta Maria Amalie, proveniente dalla dinastia asburgica, era una donna straordinaria: cacciatrice appassionata - anche al suo matrimonio sparò a diversi cinghiali, cervi e fagiani.

Lo stucco argenteo rappresenta quindi le donne in generale, ovvero la principessa elettrice a cui deve il nome, Maria Amalia. Ella proveniva dalla casata degli Asburgo ed era una donna straordinaria: una cacciatrice appassionata, tanto che persino il giorno del suo matrimonio uccise diversi cinghiali, caprioli e fagiani.

Inoltre, era un’appassionata di cani, per i quali, all’interno del castello, fece costruire un’apposita stanza. Si trattava di qualcosa di inconsueto per quell’epoca, poiché di norma i cani erano tenuti al guinzaglio al di fuori dei castelli. L’Amalienburg fu costruito dall’architetto di corte François de Cuvilliés il Vecchio e oggi è patrimonio culturale mondiale dell’UNESCO. Gli elementi decorativi del castello ruotano attorno al piacere della caccia e per il cibo. Pare che la principessa elettrice stessa abbia frequentato attivamente la sontuosa cucina. Di certo ne era capace.”

Il cortile a lucernario della LMU: un buio ricordo

“Sebbene ci sia stata spesso, ogni volta in cui entro nel cortile a lucernario dell’Ludwig-Maximilians-Universität (università) mi viene la pelle d’oca. Infatti, si respira un’atmosfera particolare, che dipende dalla luce proveniente dalla cupola e che si diffonde nell’ampio padiglione, dagli archi luminosi e dalle sontuose scale. E anche dalle rose fresche che si trovano sempre davanti a una tavola commemorativa. Tra le altre cose, ricorda Sophie Scholl, l’unica donna che faceva parte del nucleo interno del gruppo di resistenza “Rosa Bianca”.

Anche durante l'interrogatorio Sophie Scholl non si è discostata dal suo punto di vista. Ha detto: "Credo ancora di aver fatto il meglio che potevo per il mio popolo in questo momento".

Nel 1942 si iscrisse alla LMU come studentessa di Biologia e Filosofia. Nel 1943, per la prima volta, insieme al fratello Hans e altri, distribuì volantini che incitavano a insorgere contro i crimini del Nazionalsocialismo e che denunciavano la passività dei tedeschi.  Il gruppo posizionò questi appelli nelle cabine telefoniche e nelle auto parcheggiate e si diffuse tra i compagni di studi anche di altre città. Il 18 febbraio 1943 Sophie e suo fratello vennero arrestati nel cortile a lucernario dell’università.

Il Tribunale del Popolo li condannò a morte. Persino durante l’interrogatorio, la giovane restò della propria opinione. Disse infatti: “Come prima, credo di aver fatto per il mio popolo il meglio che potessi.” In considerazione delle attuali discussioni su provenienza, religione e diversità, il cortile a lucernario è diventato un luogo in ricordo di Sophie, più importante che mai.

La chiesa Theatinerkirche: un voto non sciolto

“La Theatinerkirche (chiesa) dell'Odeonsplatz (piazza) non ha un aspetto molto italiano solo da fuori, bensì, per lungo tempo, ha ospitato i monaci dell’Ordine dei Teatini di Roma. Solo da qualche decennio, questi vivono in un complesso vicino. In un certo modo, la chiesa è piuttosto un luogo maschile, tuttavia per questo bisogna ringraziare una donna.

Venne infatti commissionata dalla principessa Henriette Adelheid di Savoia, italiana. A soli 14 anni, già nel 1650 aveva sposato il principe elettore bavarese Ferdinando Maria. A quel tempo questo genere di cose si facevano “pro procurationem”, ovvero con un rappresentante. La principessa vide suo marito solamente due anni dopo, quando si trasferì a Monaco. Tuttavia, anche successivamente, i sudditi attesero invano per anni la nascita di un erede al trono.

Egli si basò sul modello della chiesa madre dei Teatini a Roma, Sant’Andrea delle Valle, tuttavia la facciata venne progettata solo 100 anni dopo da François de Cuvilliés in stile rococò.

Nel 1659, durante una cura termale a Bad, Enrichetta fece voto di far costruire la chiesa più bella e preziosa, se Dio le avesse regalato un principe ereditario. Meno di un anno dopo, partorì la sua prima figlia. Nel 1662 seguì il principe al trono Massimiliano II. Emanuele, e l’italiano Agostino Barelli ricevette l’incarico di progettare la Theatinerkirche. Egli si basò sul modello della chiesa madre dei Teatini a Roma, Sant’Andrea delle Valle, tuttavia la facciata venne progettata solo 100 anni dopo da François de Cuvilliés in stile rococò.

Henriette Adelheid di Savoia non vide mai il completamento della chiesa, avvenuto alla fine del XVII secolo. Tuttavia, successivamente, la sua salma venne sepolta nella Cripta dei Principi. Separatamente, in un contenitore in stagno all’interno della chiesa si trovano il suo cuore e le sue viscere.”

La fontana in piazza Münchner Freiheit: una donna gioiosa

“A Monaco ci sono molte statue che ricordano donne, ma personalmente la mia preferita è l’attrice e comica Bally Prell, presso la fontana in piazza Münchner Freiheit. Quando la guardo mi viene da sorridere e penso a mia zia che, nelle feste di famiglia, durante la mia infanzia, amava trasformarsi nella “regina di bellezza di Schneizlreuth”, il ruolo di punta di Bally Prell. Prell, nativa di Schwabing, nacque nel 1922 con il nome di Agnes Paula Prell, da una famiglia molto musicale.

Suo padre, Ludwig Prell, era compositore e cantante, suo fratello Ferdinand un eccellente musicista che, tuttavia, a soli 20 anni, morì per una polmonite. Anche Bally era una talentuosa cantante: aveva una morbida voce da tenore e, già da bambina, incantava il pubblico di Monaco. Il problema: Bally amava l’opera, che però non prevedeva ruoli per i tenori femminili. Inoltre, a causa di una disfunzione ghiandolare, la giovane era anche molto grassa e quindi poco idonea anche dal punto di vista dell'aspetto.

Quando la guardo mi viene da sorridere e penso a mia zia che, nelle feste di famiglia, durante la mia infanzia, amava trasformarsi nella “regina di bellezza di Schneizlreuth”.

Ecco perché, per il suo 31° compleanno, il padre creò un ruolo appositamente per lei: quello della regina di bellezza di Schneitzelreuth. Questo pezzo popolare era una parodia grottesca che tematizzava l’elezione delle miss degli anni ‘50 dal punto di vista di una contadinotta. “Non sono forse bella, eh?”, continuava a chiedere Bally Prell al pubblico,  che la amava proprio per questo.

Oggi, la statua si trova davanti alla casa di famiglia di Bally Prell, sulla strada Leopoldstrasse, al numero 77. Fu lo scultore Wolfgang Sand a fare la bozza della statua in bronzo che salta subito agli occhi. L’acqua scorre sotto i suoi piedi, in una vasca, e poi in un tombino, ecco perché il marciapiede è sempre bagnato. Una festa per bambini e animali. Di certo, anche Bally Prell ci si sarebbe divertita.”

 

 

Protocollo: Sandra Will; Foto: Frank Stolle, Redline Enterprises, Eva Hohmann; Video: Redline Enterprises
Top Stories
Monopteros in the Englischer Garten in Munich.

Il passaggio est-ovest

Monaco è un villaggio,  no?

Monaco è un villaggio in cui tutto si può scoprire a piedi. Lo si sente dire di continuo. Ma è vero? Lo abbiamo provato per voi.

A man with beard, glasses and a tattooed forearm is standing in the Neue Pinakothek in Munich.

Tutti i punti salienti in un unico tour

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco.

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro proposte di tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco. La nostra guida artistica per chi ha fretta.

Un piatto di maiale arrosto alla Gasthaus Fiedler

Panoramica: tutto sulla cucina bavarese

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora Monaco è il posto giusto!

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora siete nel posto giusto! Monaco può anche vantare il pub più famoso del mondo.

Tegernseer Hütte con la moglie sulle prealpi bavaresi intorno a Monaco.

10 min dalla stazione centrale

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

Una bicicletta si trova sulla Odeonsplatz di Monaco di Baviera.

Tour dei punti salienti

Un tour in bicicletta tranquillo che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Centro storico, Englischer Garten, lato a monte del fiume Isar, Deutsches Museum, Isartor, Alter Hof e ritorno a Marienplatz; un tour in bicicletta che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Un bicchiere di birra in un ristorante di Monaco

Dimmi cosa bevi...

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una lista delle più importanti birre di Monaco - e dei loro amanti.

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una lista delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

7 curiosità che ancora non sapevate sulla Hofbräuhaus

Verissimo: è stato un prussiano a rendere famosa la Hofbräuhaus.

L'Hofbräuhaus è probabilmente il pub più famoso del mondo. Abbiamo raccolto sette cose che probabilmente non sapevate ancora. Oppure no?

Glockenspiel nel nuovo municipio di Monaco di Baviera.

Il Glockenspiel in dieci immagini

Uno sguardo esclusivo dietro le quinte.

Il carillon attira da oltre 100 anni i visitatori e gli abitanti del luogo. Quello che molte persone non sanno è che  qui il vero lavoro manuale è ancora fatto, giorno dopo giorno, proprio come in passato.

Employees of Munich Tourism in costume in the Bavarian Outfitters in Munich

Da dirndl vintage e pantaloni di pelle di cervo

Dall'usato ai grandi magazzini tradizionali - ci siamo cimentati nella scelta dei costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Seconda mano, etichetta locale, grande magazzino tradizionale e servizio di prestito - ci siamo cimentati nella selezione di costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Uomo e donna in canoa sull'Isar.

Isar-Roamers

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

A view of a church reflected in a shop window in Munich.

Il paradiso dello shopping

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Una giovane donna sorride nel Valentin-Karlstadt-Musäum di Monaco.

Mostre di qualità

Il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Dalla Residenz al museo della birra e all'Oktoberfest: il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Munich Card e City Pass

Semplicemente Monaco: Arte e natura a portata di mano risparmiando tempo e denaro.

Trasporto pubblico incluso

Sconti con la Munich Card, price off con il City Pass

Online o negli uffici di informazione turistica

Prenota ora!