Bread with Gelbwurst and chives in Munich.

Le salsicce di Monaco

Piccola tipologia di salsiccia di Monaco di Baviera

L’universo delle salsicce, i famosi Wurst, di Monaco non è infinito, ma la sua estensione potrebbe sembrare imperscrutabile al visitatore. Ecco una guida per orientarvisi.

 

Weißwurst

La famosa salsiccia

Ovviamente, la salsiccia bavarese più famosa è il Weisswurst: una salsiccia bianca, grossa, corta e venduta a singole unità (e non a coppie, come abituale in Germania - ndt). Ogni macelleria possiede una ricetta propria.

Gli ingredienti principali sono carne di vitello, lardo di arista di maiale, albumi montati a neve e sale da cucina; e poi, a piacere, prezzemolo, pepe o limone in polvere. Il Weisswurst viene bollito e servito con senape dolce, i caratteristici Brezn e birra Weizen.

I veri monacensi lo mangiano succhiandolo, ovvero aspirando la salsiccia direttamente dal budello che la contiene, senza prima sbucciarla. In ogni caso, prima di affondarvi i denti, bisogna eliminare la pelle, terribilmente dura da masticare. Tradizionalmente, il Weisswurst viene consumato assieme alla birra mattutina oppure a pranzo. Secondo un antico detto, questa salsiccia “non deve sentire i dodici rintocchi del mezzodì”.

Stando alla leggenda, il detto è legato agli antichi artigiani che in genere consumavano il Weisswurst a pranzo e che dovevano sloggiare dall’osteria entro mezzogiorno, oppure semplicemente alla carenza di possibilità di refrigerazione e alla rapida deteriorabilità delle salsicce fresche fatte al mattino.

Secondo i parametri storici, il sanguinaccio (Blutwurst) e la salsiccia di fegato (Leberwurst) sono le antenate delle salsicce: già gli antichi greci avrebbero mangiato sanguinaccio prima di andare in battaglia.
Wollwurst

La salsiccia sottovalutata

Il Wollwurst è strettamente imparentato con il Weisswurst. Nella famiglia delle salsicce tedesche, rappresenta un po’ il fratello incompreso. Questa salsiccia è nota anche come “Nackerte” (nuda), dato che è senza budello.

Un’altra affettuosa denominazione monacense è “G’schwollne” (gonfia) forse perché, essendo senza budello, ha un aspetto un po’ rigonfio. La lavorazione è analoga a quella del Weisswurst, solo che il Wollwurst non è dotato del duro budello.

In genere, viene arrostito in padella finché non assume una bella colorazione marroncina. Alcuni cuochi sono convinti che, per esaltarne il sapore, vada intinto nel latte prima di essere arrostito in padella. Tradizionalmente, viene servito con un sugo di arrosto e insalata di patate bavarese condita con aceto e olio.

Stockwurst

La salsiccia segreta

Se il Wollwurst è il fratello incompreso del Weisswurst, lo Stockwurst è il fratello smarrito. Solo pochissimi macellai monacensi lo vendono ancor oggi al Viktualienmarkt.

Lo Stockwurst è molto simile al Weisswurst, e a prima vista è molto difficile distinguerli. L’impasto dello Stockwurst è composto in gran parte da carne di manzo, da cui deriva il suo sapore decisamente meno dolce. Anche questo tipo di salsiccia viene bollito e servito con senape dolce e Brezn, ma non viene tradizionalmente risucchiato per mangiarlo.

Gli esperti di storia delle salsicce tedesche ritengono che il Weisswurst sia uno sviluppo successivo dello Stockwurst che, a sua volta, probabilmente deriva dal “boudin blanc” francese, una salsiccia non salmistrata introdotta in Baviera dai soldati di Napoleone al principio del XIX secolo.

Schweinswurst

La salsiccia variegata

Il Rostbratwurst (salsiccia da arrostire) o Schweinswurst (salsiccia di maiale) è piuttosto piccolo e sottile, e ne viene servito sempre più di uno. È composto principalmente di carne di maiale, sale, pepe e un pizzico di maggiorana. Viene cotto alla griglia finché il suo color grigio pallido non si trasforma in un marroncino croccante. È servito con crauti e senape semipiccante o piccante.

Lo Schweinswürstl appartiene all’ampia famiglia delle salsicce da arrostire o grigliare, diffuse in tutta la Germania, ma caratterizzate da varianti molto diverse: il Currywurst della Germania settentrionale, ad esempio, rappresenta un cugino distante.

A Monaco, molti venditori ambulanti vendono anche dei Bratwurst lunghi e grassocci, in genere bianchi o rossi, che assumono svariate denominazioni. Le salsicce rosse sono molto più speziate e caratterizzate talora da un sapore che va da piccante ad affumicato. Vengono servite in un panino con senape o ketchup: uno spuntino ideale da mangiare al volo.

Gelbwurst

La salsiccia delicata

È piuttosto logico: il Gelbwurst (la salsiccia gialla) deve il suo nome al budello in cui viene confezionato. Un tempo, si trattava dei budelli del maiale che venivano tinti di giallo con lo zafferano. Oggigiorno, i macellai utilizzano degli speciali budelli sintetici che vanno eliminati prima di mangiare le salsicce.

Il Gelbwurst è una salsiccia dagli aromi delicati e dall’interno bianco. Viene prodotta con carne di maiale, vitello o manzo. Tagliata a fettine sottili (in bavarese “Radeln” o ruote), spesso rappresenta l’imbottitura dei panini.

A seconda dei gusti, e degli ingredienti disponibili in frigorifero, si può combinare con foglie d’insalata, fettine di cetriolo e burro: ecco a voi un vero sandwich bavarese. In alcune macellerie, è abitudine regalare ai bambini un “Radel” di Gelbwurst.

Il Wollwurst è strettamente imparentato con il Weisswurst. Nella famiglia delle salsicce tedesche, rappresenta un po’ il fratello incompreso. Questa salsiccia è nota anche come “Nackerte” (nuda), dato che è senza budello.
Milzwurst

La salsiccia organica

Il Milzwurst (salsiccia di milza) è definibile al massimo come un lontano parente del Weisswurst, anche se il 65 percento del suo impasto è impasto di Weisswurst. Un quarto è composto da carne di maiale, mentre un decimo dell’impasto è riservato alla milza; il resto è composto da aromi come sale, pepe, zenzero o prezzemolo.

La variante più nota è un insaccato cotto contenente pezzetti di milza. Una seconda variante, il Briesmilzwurst, contiene anche pezzetti di animelle. Entrambe le varianti sono molto versatili: possono essere cotte a fette in padella, impanate o, ancora, cotte al forno per un paio d’ore, bagnandole di tanto in tanto con del brodo.

Esiste anche una terza variante, pressoché sconosciuta: una salsiccia di milza ripiena di animelle e cervello. In questo caso, le componenti di carne vengono innanzitutto messe a bagno in acqua salata, quindi la milza ripiena dell’impasto di salsiccia viene cucita e cotta in umido.

Blutwurst

La salsiccia antica

Secondo i parametri storici, il sanguinaccio (Blutwurst) e la salsiccia di fegato (Leberwurst) sono le antenate delle salsicce: già gli antichi greci avrebbero mangiato sanguinaccio prima di andare in battaglia. Non c’è dunque da stupirsi nel ritrovarle ancor oggi tra le specialità bavaresi.

I sanguinacci spiccano per il loro colore rosso cupo. Sono composti per lo più di cotenna di maiale e contengono fino a un 40 per cento di sangue. A seconda della ricetta, possono contenere anche lardo, carne salmistrata, latte o maggiorana. Di solito vengono abbinati a salsiccia di fegato fresca, servita anch’essa calda.

Quest’ultima inoltre, considerata la “cugina delicata”, viene utilizzata anche come salsiccia spalmabile da mangiare sul pane. A seconda della ricetta, il fegato di maiale costituisce dal 10 al 35 per cento della salsiccia. E attenzione alle salsicce di fegato di vitello: diversamente da quanto si possa intendere dal nome, possono contenere maiale.

Se il Wollwurst è il fratello incompreso del Weisswurst, lo Stockwurst è il fratello smarrito. Solo pochissimi macellai monacensi lo vendono ancor oggi al Viktualienmarkt.
Presssack

La salsiccia fredda

Ammettiamolo: già dal nome, quest’insaccato non sembra particolarmente appetibile. Invece, rappresenta una vera prelibatezza tra i piatti freddi. Il cosiddetto “Presssack” (letteralmente “soppressata”) contiene, tra gli ingredienti, carne magra di maiale, cotenna lessa, pepe, cumino e brodo.

A differenza della variante bianca, quella rossa contiene anche sangue di maiale. Il composto con cui vengono riempiti i budelli deve cuocere a fuoco lento per circa un’ora e mezza, ed essere occasionalmente mescolato. Il prodotto finale viene tagliato a grosse fette – ideali per essere adagiate su fette di pane o per realizzare una conserva in agrodolce con cipolla, aceto e olio.

Per questo, la salsiccia fredda è considerata la regina della cena fredda bavarese. Il suo nome tedesco, Presssack (soppressata), si riferisce al tradizionale metodo di produzione. Affinché tutti gli ingredienti fossero distribuiti in modo omogeneo nell’impasto, anticamente la salsiccia, dopo la cottura, veniva pressata tra due tavole di legno.

Lyoner

La salsiccia da insalata

Il cosiddetto “Lyoner” riveste un ruolo davvero speciale. È vero che a volte finisce semplicemente a fette nei panini, ma i suoi aromi si sprigionano al massimo solo quando viene accostato ad altri ingredienti: È solo grazie al Lyoner che il miscuglio di cipolle, erba cipollina, aceto e olio si trasforma nella vera insalata di salsiccia bavarese, un classico piatto da Biergarten che, attenzione, può creare dipendenza.

Conosciuto anche come “Fleischwurst” (salsiccia di carne), il Lyoner è composto prevalentemente da carne di maiale salmistrata. La particolarità è che, durante la lavorazione, all’impasto della salsiccia viene aggiunto del ghiaccio. Per ottenere il caratteristico colore rosa, un tempo i macellai vi aggiungevano zafferano.

Oggi, ricorrono a degli speciali agenti decoloranti, come ad esempio sali di sodio e potassio, utilizzati anche per la salmistratura.

 

 

Testo & Video: Nansen & Piccard; Foto: Frank Stolle
Top Stories
Monopteros in the Englischer Garten in Munich.

Il passaggio est-ovest

Monaco è un villaggio,  no?

Monaco è un villaggio in cui tutto si può scoprire a piedi. Lo si sente dire di continuo. Ma è vero? Lo abbiamo provato per voi.

A man with beard, glasses and a tattooed forearm is standing in the Neue Pinakothek in Munich.

Tutti i punti salienti in un unico tour

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco.

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro proposte di tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco. La nostra guida artistica per chi ha fretta.

Un piatto di maiale arrosto alla Gasthaus Fiedler

Panoramica: tutto sulla cucina bavarese

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora Monaco è il posto giusto!

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora siete nel posto giusto! Monaco può anche vantare il pub più famoso del mondo.

Tegernseer Hütte con la moglie sulle prealpi bavaresi intorno a Monaco.

10 min dalla stazione centrale

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

Una bicicletta si trova sulla Odeonsplatz di Monaco di Baviera.

Tour dei punti salienti

Un tour in bicicletta tranquillo che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Centro storico, Englischer Garten, lato a monte del fiume Isar, Deutsches Museum, Isartor, Alter Hof e ritorno a Marienplatz; un tour in bicicletta che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Un bicchiere di birra in un ristorante di Monaco

Dimmi cosa bevi...

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una piccola tipologia delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una piccola tipologia delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

7 curiosità che ancora non sapevate sulla Hofbräuhaus

Verissimo: è stato un prussiano a rendere famosa la Hofbräuhaus.

L'Hofbräuhaus è probabilmente il pub più famoso del mondo. Abbiamo raccolto sette cose che probabilmente non sapevate ancora. Oppure no?

Glockenspiel nel nuovo municipio di Monaco di Baviera.

Il Glockenspiel in dieci immagini

Uno sguardo esclusivo dietro le quinte.

Il carillon attira da oltre 100 anni i visitatori e gli abitanti del luogo. Quello che molte persone non sanno è che  qui il vero lavoro manuale è ancora fatto, giorno dopo giorno, proprio come in passato.

Employees of Munich Tourism in costume in the Bavarian Outfitters in Munich

Da dirndl vintage e pantaloni di pelle di cervo

Dall'usato ai grandi magazzini tradizionali - ci siamo cimentati nella scelta dei costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Seconda mano, etichetta locale, grande magazzino tradizionale e servizio di prestito - ci siamo cimentati nella selezione di costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

A view of a church reflected in a shop window in Munich.

Il paradiso dello shopping

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Uomo e donna in canoa sull'Isar.

Isar-Roamers

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Una giovane donna sorride nel Valentin-Karlstadt-Musäum di Monaco.

Mostre di qualità

Il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Dalla Residenz al museo della birra e all'Oktoberfest: il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Munich Card e City Pass

Semplicemente Monaco: Arte e natura a portata di mano risparmiando tempo e denaro.

Trasporto pubblico incluso

Sconti con la Munich Card, price off con il City Pass

Online o negli uffici di informazione turistica

Prenota ora!