Interior view of an empty auditorium of the Bayerischen Staatsoper in Munich.

I palcoscenici di Monaco

Tutto quello che c’è da sapere sull’opera e i teatri a Monaco

I teatri di Monaco sono leggendari e offrono una grande varietà. Partendo da alcune domande, descriviamo il panorama dei teatri a Monaco.

Dove si possono incontrare le star dell’opera dopo gli spettacoli?

 

C’è stato un tempo in cui le stelle dell’opera si comportavano come oggi fa solo Mariah Carey. Negli hotel avevano sempre vagonate di richieste stravaganti, molto al di fuori della norma. L’hotel Bayerischer Hof, ad esempio, installava una cucina hi-tech in una suite ogni volta che ospitava l’amante della pasta Luciano Pavarotti. Tuttavia, anche le star dell’opera adesso devono sottostare a un ritmo più frenetico, e quindi più faticoso. Gli artisti di oggi devono avere una costituzione di ferro per vivere la propria vita tra San Francisco, New York, Tokyo e l’Europa. I cantanti di livello internazionale devono essere disciplinati come gli atleti agonistici. Nessuno può più permettersi un’abbuffata di spaghetti a mezzanotte.

I cantanti di livello internazionale devono essere disciplinati come gli atleti agonistici. Nessuno può più permettersi un’abbuffata di spaghetti a mezzanotte.

È vero, è risaputo che il celebre tenore Rolando Villazon esce ancora dopo gli spettacoli, ma anche lui arriva solo fino allo Spatenhaus, un locale un po’ in sordina davanti al teatro. Alcuni direttori d’orchestra di livello internazionale frequentano il ristorante Schwarzreiter, dell’hotel Vier Jahreszeiten; anche questi vicini al teatro, visto che molti di loro soggiornano proprio in questo albergo quando sono in città per una serie di spettacoli.

Trattenendosi abbastanza a lungo a bere un caffè con gli scone sotto la sontuosa cupola in stile liberty del foyer di questo hotel, quindi, si può avere la fortuna di veder passare Zubin Mehta o Riccardo Muti. Dopo l’applauso finale, invece, al ristorante Brenner è talvolta possibile incontrare qualche amministratore delegato o i vari aspiranti al successo che pullulano nella società di Monaco. E il capo in persona? Esce di rado. Il direttore dello Staatsoper (Teatro dell’opera), Nikolaus Bachler, preferisce invitare gli ospiti nel suo appartamento nel quartiere di Schwabing.

Qual è esattamente la differenza fra i tre teatri Volkstheater, Residenztheater e Kammerspiele?

 

Il Kammerspiele: Al momento si distingue da tutti gli altri teatri di Monaco. Ed è anche sempre e chiaramente in azione. L’attuale direttore, Matthias Lilienthal (proveniente da Berlino), ha cambiato nettamente il profilo del teatro, facendolo diventare un mix tra discoteca e palco per il teatro sperimentale, dove vengono allestiti spettacoli e forme teatrali ibride.

Residenztheater: È uno dei teatri più grandi e meglio attrezzati di tutti i Paesi di lingua tedesca, e attualmente richiama molti intellettuali del ceto medio e professori di mezza età, che però in fondo sono ancora un po’ anarchici, soltanto più maturi.

Non per niente non si parla di mettere in scena: qui si realizzano progetti. Altra cosa che sta a cuore alla direzione del teatro è continuare il processo di internazionalizzazione, già avviato dal predecessore di Lilienthal, l’olandese Johan Simons. È evidente dalle compagnie, che sono sempre più internazionali, ma anche dalla collaborazione con registi come Philippe Quesne, Rabih Mroué o Toshiki Okada.

E naturalmente, dai sopratitoli in inglese. Perché anche quelli, nel panorama teatrale di Monaco, sono ancora un vero e proprio tratto distintivo, almeno per ora. Quindi, per chi ha voglia di avventura, forza!, Il Kammerspiele vi aspetta.

Il Volkstheater: Nonostante il nome sembri ricco di tradizione, il Volkstheater (Teatro del popolo) è molto giovane e fu aperto soltanto nel 1983. L’attuale direttore, Christian Stückl, è nato a Oberammergau, dirige regolarmente le rappresentazioni della Passione nella sua città natale ed è uno scultore del legno qualificato: un bavarese DOC.

Mediamente, compagnia e registi sono più giovani rispetto al Resi (diminutivo del Residenztheater), e anche le opere rappresentate. La prova più lampante di tutto ciò è il festival “Radikal jung”, che una volta l’anno mette in scena spettacoli straordinari di giovani artisti tedeschi, austriaci e svizzeri; vale sempre la pena vederli.

Video: Arte & cultura

Il Residenztheater: È uno dei teatri più grandi e meglio attrezzati di tutti i Paesi di lingua tedesca, e attualmente richiama molti intellettuali del ceto medio e professori di mezza età, che però in fondo sono ancora un po’ anarchici, soltanto più maturi. Per chi vuole godersi i classici della letteratura mondiale (Shakespeare, Schiller, Molière, Ibsen), questo è il posto giusto.

E anche per chi, come lo stesso direttore Martin Kušej (originario della Carinzia e futuro direttore del Burgtheater di Vienna), ha un debole per il teatro austriaco e del sud della Germania (Schnitzler, Grillparzer).

Come si riconoscono i veri fan dell’opera? Come si riconosce una buona rappresentazione?

 

Una cosa che a Monaco (a differenza di Amburgo, Francoforte o Berlino) è assolutamente normale, è che gli spettatori si accalchino all’ingresso degli artisti in via Maximilianstrasse per chiedere l’autografo ai cantanti. I veri professionisti si fanno firmare l’elenco del cast di ogni serata.

E no, poi non va a finire su eBay, ma viene aggiunto alla propria collezione, arricchita con impegno e passione. Alle porte in vetro del teatro dell’opera si hanno anche le migliori opportunità di incontrare personalmente artisti come Jonas Kaufmann o Anna Netrebko; dopotutto, tutti prima o poi devono passare da lì. E tutti sono davvero felici di incontrare i propri fan. E sì, anche di fare selfie con loro.

Solitamente, nonostante le critiche spesso cavillose sui giornali locali, il livello degli spettacoli che vanno in scena a Monaco è eccellente. Sull’Isar, per tradizione, l’asticella è molto alta.

Solitamente, nonostante le critiche spesso cavillose sui giornali locali, il livello degli spettacoli che vanno in scena a Monaco è eccellente.  Sull’Isar, per tradizione, l’asticella è molto alta. È per questo che anche i critici sono viziati. Ciò che altrove viene osannato, a Monaco è nella media, nel migliore dei casi.

E spesso a farne le spese sono i numerosi teatri privati, che non vengono eccessivamente viziati con recensioni positive. Tuttavia, nessuno deve farsi intimidire. Chi è aperto e curioso, e legge sul quotidiano locale Abendzeitung che la prima non era così male, solitamente può aspettarsi alcune ore di grandi emozioni.

Come ci si deve comportare nei teatri di Monaco per non passare per novellini?

 

Chi non vuole passare per uno che va a teatro a Monaco per la prima volta dovrebbe fare attenzione già a come si esprime in biglietteria. Nessuno, ma proprio nessuno, dice “Residenztheater”. Oppure “Bayerisches Staatsschauspiel” (Teatro statale bavarese). Tutti dicono “Resi”. E la Bayerische Staatsoper (Teatro dell’opera statale bavarese) è un’istituzione dello Stato libero di Baviera, che ha sede in un edificio di nome Münchner Nationaltheater (Teatro nazionale di Monaco). Chi fa confusione tra i due concetti e dice, ad esempio, “Münchner Staatsoper” (Teatro dell’opera statale di Monaco) deve aspettarsi di essere squadrato con le sopracciglia inarcate. Come minimo.

Un altro consiglio per parlare come un esperto: nel foyer dell’opera, proprio dietro l’ingresso marmoreo, si trovano tre busti un po’ rialzati, che raffigurano Richard Wagner, Richard Strauss e Wolfgang Amadeus Mozart. Chi, durante la pausa, si incontra al bar del teatro, si dà appuntamento per un bicchiere di spumante “dalle divinità della casa”.

Monaco di Baviera, metropoli musicale

Scoprite le stazioni di Mozart, Wagner e Strauss e gli attuali artisti di fama mondiale insieme a una guida della città di Monaco. Potete trovare tutte le informazioni qui.

Scelta dei posti, guardaroba e catering: a cos’altro bisogna fare attenzione quando si va a teatro?

 

La dicitura “rechts” (destra) o “links” (sinistra) sui biglietti in realtà si riferisce alla prospettiva dello spettatore, e non a quella che si ha dal palco. Alla Staatsoper e al Resi il guardaroba è gratuito, mentre al Kammerspiele costa un euro. In tutti i teatri ci sono decisamente poche toilette per le signore, per questo si consiglia di cercare quella più vicina prima dell’inizio dello spettacolo e di andarci velocemente all’inizio della pausa; altrimenti si rischia di trascorrere i 20 preziosi minuti in coda anziché con un bicchiere in mano.

Per quanto riguarda la pausa, l'azienda di catering che rifornisce il teatro dell’opera è cambiata di recente. Ora non si gusta più il tradizionale gelato alla vaniglia con i lamponi “da Käfer”, come negli ultimi 53 anni, bensì “da Dallmayr”.

 

 

Testo: Margot Weber; Foto: Wilfried Hösl, Frank Stolle, Luis Gervasi, Vittorio Sciosia, Felix Löchner
Top Stories
Monopteros in the Englischer Garten in Munich.

Il passaggio est-ovest

Monaco è un villaggio,  no?

Monaco è un villaggio in cui tutto si può scoprire a piedi. Lo si sente dire di continuo. Ma è vero? Lo abbiamo provato per voi.

A man with beard, glasses and a tattooed forearm is standing in the Neue Pinakothek in Munich.

Tutti i punti salienti in un unico tour

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco.

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro proposte di tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco. La nostra guida artistica per chi ha fretta.

Un piatto di maiale arrosto alla Gasthaus Fiedler

Panoramica: tutto sulla cucina bavarese

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora Monaco è il posto giusto!

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora siete nel posto giusto! Monaco può anche vantare il pub più famoso del mondo.

Tegernseer Hütte con la moglie sulle prealpi bavaresi intorno a Monaco.

10 min dalla stazione centrale

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

Una bicicletta si trova sulla Odeonsplatz di Monaco di Baviera.

Tour dei punti salienti

Un tour in bicicletta tranquillo che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Centro storico, Englischer Garten, lato a monte del fiume Isar, Deutsches Museum, Isartor, Alter Hof e ritorno a Marienplatz; un tour in bicicletta che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Un bicchiere di birra in un ristorante di Monaco

Dimmi cosa bevi...

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una lista delle più importanti birre di Monaco - e dei loro amanti.

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una lista delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

7 curiosità che ancora non sapevate sulla Hofbräuhaus

Verissimo: è stato un prussiano a rendere famosa la Hofbräuhaus.

L'Hofbräuhaus è probabilmente il pub più famoso del mondo. Abbiamo raccolto sette cose che probabilmente non sapevate ancora. Oppure no?

Glockenspiel nel nuovo municipio di Monaco di Baviera.

Il Glockenspiel in dieci immagini

Uno sguardo esclusivo dietro le quinte.

Il carillon attira da oltre 100 anni i visitatori e gli abitanti del luogo. Quello che molte persone non sanno è che  qui il vero lavoro manuale è ancora fatto, giorno dopo giorno, proprio come in passato.

Employees of Munich Tourism in costume in the Bavarian Outfitters in Munich

Da dirndl vintage e pantaloni di pelle di cervo

Dall'usato ai grandi magazzini tradizionali - ci siamo cimentati nella scelta dei costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Seconda mano, etichetta locale, grande magazzino tradizionale e servizio di prestito - ci siamo cimentati nella selezione di costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Uomo e donna in canoa sull'Isar.

Isar-Roamers

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

A view of a church reflected in a shop window in Munich.

Il paradiso dello shopping

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Una giovane donna sorride nel Valentin-Karlstadt-Musäum di Monaco.

Mostre di qualità

Il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Dalla Residenz al museo della birra e all'Oktoberfest: il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Munich Card e City Pass

Semplicemente Monaco: Arte e natura a portata di mano risparmiando tempo e denaro.

Trasporto pubblico incluso

Sconti con la Munich Card, price off con il City Pass

Online o negli uffici di informazione turistica

Prenota ora!