Gorilla nel Tierpark Hellabrunn di Monaco.

Un giro allo zoo di Hellabrunn

Un cuore grande per gli animali

Hellabrunn è una delle mete più amate nell’area di Monaco. Il direttore ha accompagnato la nostra autrice all’interno del parco faunistico, dove c’è ben più degli animali da scoprire.

Amo gli animali. Da sempre. Riescono a commuovermi molto di più della maggioranza delle persone. Perché gli animali non sono meschini né crudeli: tutto ciò che fanno ha uno scopo, sono gli esseri viventi più onesti e leali che esistano. E poi sono spiritosi: persino i pesci si danno la caccia a vicenda per gioco, cercano di raggiungersi e si nascondono nella sabbia o tra le rocce.

Penso che non sia possibile osservare gli animali e sentire il malumore o addirittura la noia.

Da bambina avevo un parrocchetto ondulato (Maxi) e successivamente un bovaro del bernese (Kyra), li ho adorati entrambi. Pensavo: “Quando sarò grande riempirò il mio appartamento di animali”. Oggi purtroppo nessun animale vive con me. Sono spesso via da casa e abito in una mansarda. È per questo che ho fatto un abbonamento annuale allo zoo. Nessun altro luogo di Monaco mi piace quanto Hellabrunn.

Cerco di andarci almeno una volta al mese. Quando arrivo dal parcheggio all’entrata dei fenicotteri sono felice come i bambini davanti a me, che saltellano sull’asfalto per mano ai genitori. È affascinante vedere così tanti animali diversi nello stesso luogo, quasi in centro città. Per me, come visitatrice, è entusiasmante passare in pochi minuti dalle giraffe ai serpenti velenosi o ai rapaci.

Però a Hellabrunn seguo sempre lo stesso percorso. Per primi vado a trovare gli scimpanzé nella parte dedicata alla foresta vergine. Poi passo dalle vipere e dai cobra attraversando l’acquario e, una volta uscita, mi compro una crêpe al cioccolato e mi siedo a guardare gli orangotanghi. Non penso sia possibile osservare gli animali ed essere contemporaneamente di cattivo umore o annoiati.

Oggi, una luminosa giornata di autunno, ho appuntamento con il direttore dello zoo davanti al recinto dei lemuri. Conosco da un po’ i lemuri e i loro comportamenti felini. Vengono dal Madagascar. Uno è già sveglio. Con i suoi occhietti gialli e la coda a righe si muove al rallentatore sulla chioma dell’albero. Il viso del direttore si illumina: “Eccolo, lo vede?”, dice indicando il lemure, che ha allargato le braccia e si stiracchia languidamente al sole. Un coppia di visitatori si è fermata davanti al recinto: hanno entrambi la faccia all’insù e sorridono. Sembra che il lemure, come noi visitatori, si stia godendo i raggi del sole.

A dire la verità, oggi avrei voluto lavorare dietro le quinte come inserviente, il mio lavoro dei sogni da bambina. Ma non si può. E lo trovo giusto. Chi lavora a Hellabrunn è molto attento al benessere dei suoi abitanti. In fondo, anch’io non sarei contenta se degli estranei entrassero nel mio salotto e cominciassero ad accarezzarmi la testa.

Mentre il lemure se ne sta stravaccato al sole, mi aspetta una visita guidata esclusiva nel parco faunistico con il direttore di Hellabrunn. Rasem Baban, 52 anni, è a capo dello zoo di Monaco dal 2014. Prima era il vicedirettore dello zoo di Lipsia. Eppure anche lui è un “outsider”. “Non ho studiato biologia, come la maggior parte dei miei colleghi”, dice. “Anzi, sono un architetto!”

... e subito si può dire addio all'idea ingenua che un direttore di zoo coccola tutto il giorno i bambini delle scimmie con una camicia hawaiana.

Baban ha persino lavorato come consulente per aziende. Tuttavia, queste competenze sono molto utili al direttore del parco zoologico. Negli anni scorsi, a Hellabrunn, sono stati implementati numerosi progetti innovativi; interi recinti sono stati riprogettati e ristrutturati. Come l’Elefantenhaus (casa degli elefanti).

Progettata nel 1914 dall’architetto monacense Emanuel von Seidl, da tempo è il simbolo di Hellabrunn. Ma c’era un problema: a causa dei vapori dell’urina degli elefanti, che contengono ammoniaca, la struttura dell’edificio si era deteriorata fino all’improvviso crollo, nel 2010, di parte del tetto. “Miracolosamente, nessun elefante si è fatto male all’epoca”, dice Baban sollevato. Dopo aver trasferito gli animali, aver adottato nuove disposizioni di sicurezza e un nuovo piano organizzativo, nel 2016 è stato possibile aprire la nuova casa degli elefanti. I costi del progetto? 22 milioni di euro. Ci troviamo nella galleria dell’edificio e guardiamo in basso, verso la piscina dove gli elefanti di solito fanno il bagno. Oggi però si trovano tutti nel terreno all’esterno.

Mi ricordo di quando, da piccola, al Wilhelma, lo zoo di Stoccarda, potevo dar da mangiare le noccioline agli elefanti. Oggi sarebbe impensabile. Proteggere gli animali dai visitatori (e viceversa) ha la massima priorità negli zoo tedeschi. Ma non è tutto. “Nel mio lavoro è importante anche una gestione sana”, afferma Baban. Occorre abbandonare subito l’idea ingenua che il direttore di uno zoo passi la giornata a coccolare piccoli di scimmia con indosso una camicia hawaiana.

Il parco faunistico è una grande azienda. Baban non solo deve dirigere circa 220 collaboratori, rispondere di un fatturato di circa 16 milioni di euro all’anno e garantire la sicurezza di 2,5 milioni di visitatori: deve soprattutto dare una casa agli animali, il più possibile adatta alla loro specie. Non è certo un compito semplice. Oggi gli zoo vengono spesso criticati aspramente dagli animalisti.

Baban non è un manager freddo che guarda solo ai numeri - ha un cuore per gli animali.

Ma io sono assolutamente certa che gli animali di Hellabrunn si sentono molto bene in questo ambiente. L’imponente leone che ozia sul prato, i buffi pinguini di Humboldt che prendono la rincorsa per tuffarsi in acqua, il canguro rosso gigante nel suo recinto: tutti danno l’impressione di essere molto tranquilli. Rasem Baban è sposato, ha tre figli adulti e vive con la sua famiglia all’interno del parco faunistico. “I miei figli hanno centinaia di animali domestici”, dice ridendo. Baban non ha la freddezza del manager che pensa solo ai numeri: ha a cuore gli animali. Si nota dall’entusiasmo con cui mi indica non solo i lemuri, ma anche ogni nuovo recinto che oggi visitiamo.

Proseguiamo con gli orsi polari. Anche loro se ne stanno al sole e sembrano essersi abituati alla nuova casa: nel 2010 infatti il Polarwelt (l’ambiente polare) è stato completamente ristrutturato. È molto interessante. Nella parte posteriore, il recinto degli orsi polari non è delimitato da reti metalliche, ma da un grande fossato ricoperto di piante. Ai visitatori sembra che gli orsi possano uscire in qualsiasi momento. “Ovviamente non è così”, dice Rasem Baban. “Ma per noi è importante che le restrizioni agli animali siano più naturali possibi

L’ambiente polare è un ottimo esempio di “geo zoo”, un principio ormai consolidato messo a punto proprio a Monaco di Baviera nel 1928, e da allora applicato in molti dei parchi naturalistici più prestigiosi al mondo. Il concetto è semplice: gli animali a Hellabrunn non sono divisi per genere, ma per continente.

"Alcuni bambini non si ricordano nemmeno com'è fatto un gallo".
Rasem Baban

Accanto agli orsi, nel Polarwelt abitano anche pinguini e foche. Anche la gastronomia è adeguata all’ambiente polare, affiancando al fish & chips un classico della cucina nordica, il Matjesbrötchen, un panino a base di aringhe. Poi c’è il mondo della giungla, una steppa mongolica e un ambiente sudamericano. Ma l’ambiente più recente dello zoo di Hellabrunn è il Mühlendorf (il villaggio dei mulini).

È stato inaugurato nell’estate del 2018 e, con i suoi ventimila metri quadrati, è un vero e proprio zoo nello zoo. “Con il Mühlendorf volevamo dare la possibilità ai visitatori di conoscere gli animali domestici da vicino”, dice Rasem Baban. “Alcuni bambini non sanno più come è fatta una gallina.” Nel Mühlendorf vivono animali che sono di casa in Germania: galline, mucche, maiali, capre. Agli appassionati di animali esotici potrebbe sembrare noioso, ma non è così.

Tra le strutture in legno del Mühlendorf si trova persino un allevamento di trote. Io ne sono entusiasta: ho fatto da poco la licenza di pesca e da allora i pesci occupano gran parte dei miei pensieri. Qui imparo molte cose: le trote che depongono le uova a Hellabrunn vengono poi liberate nell’Isar. Chissà, forse qualcuna prima o poi finirà nel mio piatto.

Il Mühlendorf ospita anche tre piccoli kunekune, una varietà di suini neozelandese. Dato che ormai non esistono più le antiche razze tedesche di maiali, il parco faunistico ha dovuto ripiegare su questa curiosa varietà, che sembra dotata di parrucca. Tuttavia la biodiversità locale è molto importante nel Mühlendorf. “L’estinzione non minaccia solo le specie esotiche, ma anche alcune varietà locali”, afferma il direttore. “È nostra responsabilità proteggere questi animali.”

"Non solo gli animali esotici sono parzialmente minacciati di estinzione, ma anche alcune specie autoctone".
Rasem Baban

In un terrario scopro un paio di piccole bisce dal collare e una salamandra pezzata. Spalanco gli occhi. Lo ammetto. Avevo visto spesso tigri e leoni negli zoo, ma mai una salamandra. E le bisce minuscole che serpeggiano tra il muschio dei terrari sembrano molto più attive del serpente corridore verde o del cobra della foresta, che si limitano a pendere immobili dai rami.

Il direttore dello zoo ha un animale preferito? “No, davvero”, dice ridendo Rasem Baban. “Mi piacciono tutti.” Io gli credo. E, alla fine, anche per me è così.

 

 

Testo: Heike Kottmann; Foto: Frank Stolle
Top Stories
Monopteros in the Englischer Garten in Munich.

Il passaggio est-ovest

Monaco è un villaggio,  no?

Monaco è un villaggio in cui tutto si può scoprire a piedi. Lo si sente dire di continuo. Ma è vero? Lo abbiamo provato per voi.

A man with beard, glasses and a tattooed forearm is standing in the Neue Pinakothek in Munich.

Tutti i punti salienti in un unico tour

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco.

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro proposte di tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco. La nostra guida artistica per chi ha fretta.

Un piatto di maiale arrosto alla Gasthaus Fiedler

Panoramica: tutto sulla cucina bavarese

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora Monaco è il posto giusto!

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora siete nel posto giusto! Monaco può anche vantare il pub più famoso del mondo.

Tegernseer Hütte con la moglie sulle prealpi bavaresi intorno a Monaco.

10 min dalla stazione centrale

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

Una bicicletta si trova sulla Odeonsplatz di Monaco di Baviera.

Tour dei punti salienti

Un tour in bicicletta tranquillo che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Centro storico, Englischer Garten, lato a monte del fiume Isar, Deutsches Museum, Isartor, Alter Hof e ritorno a Marienplatz; un tour in bicicletta che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Un bicchiere di birra in un ristorante di Monaco

Dimmi cosa bevi...

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una piccola tipologia delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una piccola tipologia delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

7 curiosità che ancora non sapevate sulla Hofbräuhaus

Verissimo: è stato un prussiano a rendere famosa la Hofbräuhaus.

L'Hofbräuhaus è probabilmente il pub più famoso del mondo. Abbiamo raccolto sette cose che probabilmente non sapevate ancora. Oppure no?

Glockenspiel nel nuovo municipio di Monaco di Baviera.

Il Glockenspiel in dieci immagini

Uno sguardo esclusivo dietro le quinte.

Il carillon attira da oltre 100 anni i visitatori e gli abitanti del luogo. Quello che molte persone non sanno è che  qui il vero lavoro manuale è ancora fatto, giorno dopo giorno, proprio come in passato.

Employees of Munich Tourism in costume in the Bavarian Outfitters in Munich

Da dirndl vintage e pantaloni di pelle di cervo

Dall'usato ai grandi magazzini tradizionali - ci siamo cimentati nella scelta dei costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Seconda mano, etichetta locale, grande magazzino tradizionale e servizio di prestito - ci siamo cimentati nella selezione di costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

A view of a church reflected in a shop window in Munich.

Il paradiso dello shopping

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Uomo e donna in canoa sull'Isar.

Isar-Roamers

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Una giovane donna sorride nel Valentin-Karlstadt-Musäum di Monaco.

Mostre di qualità

Il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Dalla Residenz al museo della birra e all'Oktoberfest: il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Munich Card e City Pass

Semplicemente Monaco: Arte e natura a portata di mano risparmiando tempo e denaro.

Trasporto pubblico incluso

Sconti con la Munich Card, price off con il City Pass

Online o negli uffici di informazione turistica

Prenota ora!