Landscape near Kochel am See

Franz Marc

La patria dei cavalli blu

I suoi cavalli blu sono famosi in tutto il mondo. Ma pochissime persone sanno esattamente dove sono stati creati i dipinti di Franz Marc nel paesaggio intorno al Kochelsee (lago). Il nostro autore è andato alla ricerca dei luoghi in cui Marc ha trovato la sua ispirazione e ha scoperto un luogo magico.

Mi ci vuole un po' per notarla: la luce. È davvero diversa qui. Non palesemente diversa dalla luce nel centro di Monaco, ma piuttosto con una nota sottile che cambia l'atmosfera di una sola sfaccettatura. Si adagia sul paesaggio come un filtro delicato, una messa a fuoco morbida che conferisce allo scenario qualcosa di fiabesco. "Capisco perché si sono trasferiti tutti qui", mi sento dire. Per la seconda volta oggi. "Loro" sono gli uomini e le donne del gruppo di artisti “Der Blaue Reiter", e "qui" è l'area intorno a Kochel, una località climatica sul Kochelsee, a circa un'ora di auto a sud di Monaco.

Si adagia sul paesaggio come un filtro delicato, una messa a fuoco morbida che conferisce allo scenario qualcosa di fiabesco.

Ovviamente sapevo chi era Franz Marc. Sapevo che era considerato uno dei più importanti rappresentanti dell'espressionismo, che apparteneva al gruppo di artisti "Der Blaue Reiter" fondato insieme a Wassily Kandinsky. Nel Lenbachhaus (museo) di Monaco vidi la sua opera più famosa, "Blaues Pferd I". Sapevo anche che molti membri del "Der Blaue Reiter" vivevano in campagna, nella zona di Staffelsee e Kochelsee. Ma lì finiva la mia conoscenza. Sia artisticamente che geograficamente, perché anche se vivo a Monaco, non sono mai stato a Kochel, dove Franz Marc ha trascorso molte vacanze durante la sua infanzia e gli anni universitari, mai a Murnau, dove ha incontrato altri artisti nella "Russenhaus" fermandosi qui - è così che la gente del posto chiamava in modo dispregiativo la casa di Gabriele Münter, dove viveva con il suo compagno Wassily Kandinsky. E non sono mai stato a Sindelsdorf, una piccola città a nord di Kochel, dove Marc visse durante la fase più produttiva della sua vita. Oggi voglio ampliare le mie conoscenze.

Abbiamo parcheggiato nel centro di Kochel am See in auto, proprio accanto alla locanda "Zur Post", che, nel suo aspetto simile a un geranio, sembra essere stata appositamente progettata per Instagram. Ho fatto alcune ricerche preliminari: da qui è possibile esplorare, seguendo la forma di una stella, molti luoghi importanti per Marc. Il museo Franz Marc è raggiungibile a piedi in circa un quarto d'ora.

La villa a cavallo di due secoli, in cui il museo fu aperto nel 1986, 70 anni dopo la morte del pittore, si erge su una collina sopra il lago Kochel. Nel 2008 ha subito un ammodernamento. Il museo gestisce oltre 200 opere di Franz Marc, tra cui quadri famosi come "Hocken im Schnee", "Zwei Frauen am Berg" o "Springendes Pferd", ma anche stampe, piccoli disegni e schizzi come lo schizzo a matita "Turm der blauen Pferde", un'opera preliminare per il dipinto ad olio "Der Turm der blauen Pferde", che è andato perduto nella seconda guerra mondiale.

"Abbiamo cercato di creare un'atmosfera molto privata", afferma Annette Rosenboom dell'amministrazione del museo, anche perché la maggior parte delle opere d'arte proviene da collezioni private e precedentemente appese in condomini. Il museo espone anche opere di altri artisti, tra cui opere dei membri del "Blaue Reiter" e dell'associazione degli artisti di Berlino "Die Brücke", che ha funzionato all'incirca nello stesso periodo del "Blaue Reiter". Inoltre, ci sono sempre mostre di arte contemporanea. In effetti, l'atmosfera è molto intima per un museo: con stanze di diverse dimensioni, pavimenti in legno, poltrone e grandi finestre che consentono una vista sul verde circostante.

Quando poi mi siedo sulla terrazza della villa, che ora ospita le strutture amministrative e di ristorazione, noto che nonostante le molte emozioni, non sento la solita stanchezza da museo. È dovuto solo a questa intimità? O anche alla luce? Più in basso, il lago brilla tra gli alberi, oltre ci sono le montagne, l'Herzogstand, l'Heimgarten e davanti a me un delizioso caffè freddo. Perché non sono mai stato qui prima?

La prossima strada ci porta alla terrazza panoramica "Kohlleite", una destinazione popolare ai tempi di Marc. Qui è nato il quadro "Frauen am Berg" che mostra la pittrice Marie Schnür e la studentessa d'arte Maria Franck di fronte allo sfondo del lago e della montagna. Le due donne indossano abiti e cappelli estivi. Maria a destra giace casualmente sul lato, sostenendo la testa con il braccio sinistro, Marie si siede con la schiena sullo sfondo, sporgendosi verso di lei. Le due donne sembrano parlare animatamente, dando l'impressione di leggerezza, quasi di allegria. La realtà era un po' più complessa. Franz Marc ha avuto una relazione con entrambe (e anche con una terza amante, l'artista sposata Annette Simon). Nell'estate del 1906 si decise per Marie Schnür e la sposò all'inizio del 1907. Quell'estate Maria Franck battezzò la Kohlleite "Thränenhügel" (collina del pianto). Il matrimonio con Marie Schnür è durato solo un anno. Marc visse quindi con Maria Franck: a causa della situazione legale dopo il divorzio, il matrimonio fu possibile solo nel 1913.

Ma dopo un po' il mio sguardo si blocca sul lago, che brilla argenteo e liscio in lontananza. Dimentico tutte le informazioni e mi perdo nel paesaggio.

Non so tutto questo per caso - Marc e la sua storia sono onnipresenti qui. Tra i tre castagni si trova la stazione numero 3 della passeggiata artistica ufficiale. Un tabellone mostra l'opera "Zwei Frauen am Berg" e ne descrive la storia. Chi preferisce il digitale, può anche ottenere le informazioni tramite l'app "Franz Marc Kunstspaziergang", che include anche una mappa panoramica.

Il cielo è coperto quando arriviamo alla Kohlleite. Ai tempi di Marc c'erano probabilmente solo alcune case coloniche e una chiesa nella zona. Oggi guardo insediamenti e linee ad alta tensione, e all'inizio questo mi preoccupa. Ma dopo un po' il mio sguardo si blocca sul lago, che brilla argenteo e liscio in lontananza. Dimentico tutte le informazioni e mi perdo nel paesaggio.

Sulla via del ritorno scivolo lungo la strada sterrata e mi arrabbio per le scarpe scelte. Non è una marcia in alta montagna, ma le ballerine non sono state la scelta migliore. Un gatto bianco e nero mi distrae dai miei problemi con le scarpe. Sta sdraiata sul campo, ma salta immediatamente quando la chiamo e si avvicina per essere accarezzata. A Franz Marc piacevano i gatti tanto quanto me, ricordo. Tutti pensano sempre ai cavalli o agli animali della foresta quando pensano a lui anche se ha realizzato un gran numero di quadri con gatti! "Zwei Katzen" (1909/1910), "Zwei Katzen" (1913), "Die weiße Katze (Kater auf gelbem Kissen)" (1912), "Katzen auf rotem Tuch" (1909/10), "Kinderbild (Katze hinter einem Baum)" (1910/11), "Zwei liegende schwarze Katzen" (1912/13), "Akt mit Katze" (1910), "Mädchen mit Katze II" (1912) … L'artista aveva nella sua casa in campagna sempre gatti - accanto al suo amato cane pastore siberiano bianco Russi.
Marc mi sta sempre più simpatico.

Si sente un profumo forte di miele e vaniglia. È merito dell'olmaria con migliaia di fiori sui prati.

Continuiamo verso Kochelsee. A sinistra del Gasthof zu Post c'è una passeggiata, Hanersimmergasse, case coloniche, prati fioriti e campi con piscine. Il cielo si apre e lascia passare i raggi del sole. All'incrocio con il Seeweg, sotto la Chiesa evangelica, tre mucche riposano all'ombra e cercano di liberarsi con il minor sforzo possibile. Il frinire dei grilli è più forte del rombo distante della strada principale. Si sente un profumo forte di miele e vaniglia. È merito dell'olmaria con migliaia di fiori sui prati. Dopo una ventina di minuti arriviamo al lago. Da qualche parte qui Marc ha trovato l'ispirazione per "Frau in Winterlandschaft auf grüner Bank" (1906). Cespugli e alberi crescono sulla riva, ci sono famiglie che fanno il bagno e persone che lanciano bastoncini ai loro cani. Non ho la vista libera del lago che la donna ha nel quadro, ma nemmeno la neve. L'atmosfera è piacevolmente calma e noi siamo rilassati, come se fossimo soggiogati dalla luce soffusa.

Continuiamo lungo il lago a sud, troviamo il tabellone per il dipinto "Lesende Frau im Grünen", nel quale una signora con un cappello e un vestito estivo leggero è seduta sulla riva del lago e legge un libro. Doveva essere primavera, in una giornata estiva come oggi non avrebbe potuto resistere a lungo al sole con quel vestito. Là, dove la donna potrebbe essere stata in quel momento, ci sono ora due panche all'ombra. Mi siedo dapprima su queste panche, poi sull'erba e guardo il lago, in cui si riflettono montagne, alberi e nuvole. Quasi come un dipinto.

Vorrei rimanere seduta, ma dobbiamo continuare: per prima cosa facciamo una breve sosta a Ried, dove non c'è molto da vedere. Nel 1914 Franz e Maria Marc acquistarono una casa con un pezzo di terra dove l'artista ospitava il suo famoso cervo addomesticato. La casa è ora di proprietà privata e non è accessibile. Solo un tabellone racconta del famoso precedente proprietario, che fu in grado di godere della sua proprietà solo pochi mesi prima di essere chiamato per il servizio militare nell'agosto 1914.

"Il mio amato paese blu," lo definì Marc, e in quel momento capisco il perché.

Finalmente arriviamo a Sindelsdorf, il luogo in cui Franz Marc dipinse la maggior parte dei suoi quadri famosi. Dobbiamo cercare un po' finché non troviamo la casa in cui Franz e Maria Marc hanno vissuto dal 1909 al 1914. Oggi, ovviamente, sembra molto diversa dalle foto storiche. La coppia prese in affitto la casa dal maestro falegname Josef Niggl al primo piano; Marc aveva il suo studio in soffitta. Chiediamo ai residenti e troviamo presto il famoso gazebo in cui Marc e Kandinsky hanno fondato il "Blaue Reiter". Fino al 2009, questo si trovava nel giardino della proprietà, quindi fu ricostruito circa 100 metri più lontano su suolo pubblico. Secondo Wassily Kandinsky andò così: "Abbiamo inventato il nome "Der Blaue Reiter" a tavolino nel gazebo di Sindelsdorf; entrambi amavamo il blu, Mark era il cavallo e io il cavaliere. Quindi il nome è venuto da solo. E il caffè da favola di Maria Marc ha corroborato al meglio la decisione.”

Ci attende un'ultima fermata: "Hocken im Schnee" è il nome dell'opera, e troviamo il suo luogo di ispirazione non lontano dall'estremità meridionale del villaggio, solo senza neve. Il fieno è raggruppato in grandi pagliai a forma di punta che vengono eretti nei campi in modo che il fieno possa asciugarsi meglio. In omaggio a Marc, il villaggio di Sindelsdorf ha eretto tre di questi pagliai nel luogo in cui è nato probabilmente il dipinto. Secondo quel che si dice, da qui puoi anche vedere "Die verzauberte Mühle", dice l'app. Non riesco a vederlo da sola, ma il fotografo, che è molto più alto di me, pensa di aver visto qualcosa. Sulla via del ritorno al crepuscolo ci fermiamo su una collina e guardiamo giù verso Sindelsdorf.

"Il mio amato paese blu," lo definì Marc, e in quel momento capisco il perché. La sagoma delle montagne appare in varie tonalità di blu sotto le nuvole illuminate di rosso. Scatto foto come una selvaggia con il mio cellulare, ma la resa non è la stessa. Mi arrendo, inseguo le creste di fieno che sono allineate per essere trasportate, mi fermo davanti al panorama e faccio un respiro profondo: "Capisco perché si sono trasferiti tutti qui."

 

 

Testo: Sabine Magnet; Foto: Frank Stolle

Interessante anche: l'MuSeenLandschaft Expressionismus, un godimento dell'arte e della natura tra Monaco e il margine delle Alpi

Top Stories
Monopteros in the Englischer Garten in Munich.

Il passaggio est-ovest

Monaco è un villaggio,  no?

Monaco è un villaggio in cui tutto si può scoprire a piedi. Lo si sente dire di continuo. Ma è vero? Lo abbiamo provato per voi.

A man with beard, glasses and a tattooed forearm is standing in the Neue Pinakothek in Munich.

Tutti i punti salienti in un unico tour

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco.

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro proposte di tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco. La nostra guida artistica per chi ha fretta.

Un piatto di maiale arrosto alla Gasthaus Fiedler

Panoramica: tutto sulla cucina bavarese

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora Monaco è il posto giusto!

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora siete nel posto giusto! Monaco può anche vantare il pub più famoso del mondo.

Tegernseer Hütte con la moglie sulle prealpi bavaresi intorno a Monaco.

10 min dalla stazione centrale

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

Una bicicletta si trova sulla Odeonsplatz di Monaco di Baviera.

Tour dei punti salienti

Un tour in bicicletta tranquillo che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Centro storico, Englischer Garten, lato a monte del fiume Isar, Deutsches Museum, Isartor, Alter Hof e ritorno a Marienplatz; un tour in bicicletta che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Un bicchiere di birra in un ristorante di Monaco

Dimmi cosa bevi...

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una piccola tipologia delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una piccola tipologia delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

7 curiosità che ancora non sapevate sulla Hofbräuhaus

Verissimo: è stato un prussiano a rendere famosa la Hofbräuhaus.

L'Hofbräuhaus è probabilmente il pub più famoso del mondo. Abbiamo raccolto sette cose che probabilmente non sapevate ancora. Oppure no?

Glockenspiel nel nuovo municipio di Monaco di Baviera.

Il Glockenspiel in dieci immagini

Uno sguardo esclusivo dietro le quinte.

Il carillon attira da oltre 100 anni i visitatori e gli abitanti del luogo. Quello che molte persone non sanno è che  qui il vero lavoro manuale è ancora fatto, giorno dopo giorno, proprio come in passato.

Employees of Munich Tourism in costume in the Bavarian Outfitters in Munich

Da dirndl vintage e pantaloni di pelle di cervo

Dall'usato ai grandi magazzini tradizionali - ci siamo cimentati nella scelta dei costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Seconda mano, etichetta locale, grande magazzino tradizionale e servizio di prestito - ci siamo cimentati nella selezione di costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

A view of a church reflected in a shop window in Munich.

Il paradiso dello shopping

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Uomo e donna in canoa sull'Isar.

Isar-Roamers

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Una giovane donna sorride nel Valentin-Karlstadt-Musäum di Monaco.

Mostre di qualità

Il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Dalla Residenz al museo della birra e all'Oktoberfest: il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Munich Card e City Pass

Semplicemente Monaco: Arte e natura a portata di mano risparmiando tempo e denaro.

Trasporto pubblico incluso

Sconti con la Munich Card, price off con il City Pass

Online o negli uffici di informazione turistica

Prenota ora!