A visit to BMW Welt in Munich.

Una visita al BMW Welt

"Noi siamo soliti dire: il motore scoppia"

Il BMW Welt è la più grande attrazione turistica di Monaco. Ma perché? In fondo si tratta solo di alcuni carretti parcheggiati, pensa il nostro autore. Vuole capire da cosa deriva questo fascino e quindi fa visita al BMW Welt con Georg Schuster, membro del Consiglio di Amministrazione del fan club "BMW Munichs".

Alla fine una BMW M2 nero opaco con adesivi automobilistici mi rivela che non ne ho idea. "Questa non è la classica forma di una BMW, vero?", chiedo a Georg Schuster, indicando una piega che fa la colonna portante del veicolo sul lunotto posteriore. Nelle ultime due ore ho seguito il giovane con la maglietta nera della BMW, ascoltando le sue spiegazioni dettagliate su carrozzeria, forme e motori, dicendo il meno possibile in modo da non risultare completamente ignaro.

Ma ora, in questo piccolo dettaglio, vedo una chance per brillare almeno una volta. Mi sono accorto subito di aver commesso un errore. Schuster mi guarda come se avessi definito Angela Merkel un deputato della circoscrizione distrettuale. "Il gomito di Hofmeister", risponde lui cercando di mantenere la calma, "decora quasi ogni BMW dai primi degli anni '60. Oltre ai reni, ovvero la griglia del radiatore, è forse la caratteristica iconica del marchio." Guardo a destra, a sinistra e in basso. E in effetti: quasi tutte le auto intorno a me hanno questo gomito. Sono probabilmente il più grande ignorante in questo edificio.

"Più di tre milioni di visitatori vengono qui ogni anno, il doppio rispetto al Schloss Neuschwanstein e non ho idea del perché".
Matthias Kirsch

Schuster e io siamo nel BMW Welt. Centinaia di persone si agitano intorno a noi, si scattano foto di fronte alle macchine sportive e alle motociclette. Più di tre milioni di visitatori vengono qui ogni anno, il doppio rispetto al Schloss Neuschwanstein (castello) e non ho idea del perché. Vivo a Monaco da sei anni e finora il BMW Welt è stato per me una concessionaria di auto chic con un ristorante elegante, niente di più. Perché più di 20 milioni di persone sono venute qui dalla sua apertura alla fine del 2007? Cosa c'è di così affascinante in questo posto? Per capire cosa vedono gli altri nel BMW Welt, ho bisogno di un esperto, quindi ho preso un appuntamento con Georg Schuster, membro del Consiglio di Amministrazione del fan club "BMW Munichs".

Ci incontriamo in una sera di dicembre fredda e scura all'ingresso del BMW Welt. Schuster, un uomo robusto, gestisce a metà degli anni '30 una stazione di servizio con officina annessa vicino a Monaco. Un ragazzo robusto con le braccia muscolose incrociate sul petto è lì in piedi. Il logo BMW sulla sua maglietta nera del fan club si trova direttamente sul suo cuore. Schuster è quello che chiameresti un ultra nel calcio. Possiede diverse auto classiche BMW, rinnovate e convertite da lui stesso. Ha anche incontrato la sua ragazza nel fan club.

Quando entriamo nell'edificio, una donna bionda sorride e ci augura una buona visita. Il BMW Welt è una grande sala a due piani dove puoi perderti, ma Schuster sa come entrare e uscire. Viene qui in media una volta al mese. A volte per le riunioni del fan club, a volte perché vengono esposti nuovi modelli. A volte, semplicemente senza motivo.

Ogni volta inizia il suo giro dallo stesso angolo: dai modelli M. Automobilismo. "Cerchi più leggeri, freni migliori, design più aggressivo", dice, e il suo viso si illumina alla vista delle macchine da corsa. Le sue mani da meccanico sono forti, con residui di olio sulle unghie. Ma accarezzano la carrozzeria delicatamente e con cautela, come quando si accarezza il viso di un bambino.

"Questa macchina mi ha infettato. Da allora ho sviluppato il mio entusiasmo per il marchio".
Georg Schuster

Non riesco a capire questa passione emotiva. Fin dall'infanzia, le macchine sono state soprattutto una cosa: un modo per andare da A a B più velocemente. Da casa in palestra, da scuola alla nonna. I miei genitori guidavano la Renault Espace e la VW Polo. Auto che non sono mai state particolarmente belle, ma erano soprattutto pratiche. È per questo che non capisco questo posto?

La storia automobilistica di Schuster sembra diversa. È praticamente nato con l'amore per la BMW: “Mio padre costruiva auto per gare private negli aeroporti. Ha lavorato soprattutto sui motori BMW", afferma. Il piccolo Georg si sedeva accanto a suo padre nel laboratorio tutto il giorno, osservando ogni mossa. "Ho imparato tutte le sottigliezze da lui."

Ma per innamorarsi non basta una macchina qualunque di un altro. Serve una macchina del tutto speciale. Una che rende Schuster un amante della BMW, un meccanico, un membro del fan club. A 19 anni si è comprato una vecchia BMW del 1974. Il modello era una 2002: un'elegante berlina d'argento.

In qualità di meccanico di auto esperto, Schuster ha avvitato, oliato e lubrificato l'auto da solo. "Questa macchina mi ha infettato. Da allora ho sviluppato il mio entusiasmo per il marchio", afferma. “La forma, il colore, l'incompiuto. Non sapevo come sarebbe stata la macchina alla fine. L'ho semplicemente costruita." Doveva essere un'auto che nessun altro aveva.

Corriamo dall'angolo delle macchine sportive verso l'area High-Society. La luce è un po' più dorata qui, il personale della sicurezza sembra un po' più serio: i prezzi delle auto non si vedono. Siamo arrivati ​​alla Rolls Royce, che viene prodotta dal gruppo BMW dal 2003. "Naturalmente c'è molta BMW in questa auto", dice Schuster seccamente. Ma non è una BMW, questo vuole dire in realtà. Comprensibile. Soprattutto per qualcuno che è stato così intento in una cosa come lui.

Ha modificato la sua BMW per due anni. Alla fine della giornata, durante il fine settimana e per la maggior parte delle vacanze ha fatto questo. Tutto doveva essere al suo posto. Per un suono perfetto, Schuster ha installato un motore M3 degli anni '90 nella BMW del 1974. Si toglie lo smartphone dalla tasca e riproduce un video. Vuole farmi sentire il rumore del suo motore.

Gli altoparlanti del cellulare emettono un forte scoppiettio profondo, risultato di velocità estremamente elevate. "Noi siamo soliti dire: il motore scoppia", dice Schuster sorridendo orgoglioso. Poteva riconoscere il motore M3 tra mille altri “in qualsiasi momento". Allo stesso tempo, sembra come se non riesca sempre a riconoscerne il suono.

All'improvviso ci troviamo davanti all'unica macchina con cui abbia mai avuto un legame emotivo, o meglio: davanti al suo fratello maggiore. È una Z4, una piccola auto sportiva. Il modello precedente, la Z3, ha rotolato sul tappeto della stanza dei miei figli venti anni fa sotto forma di modellino. Si trova ancora su uno scaffale nella casa dei miei genitori, forse lunga cinque centimetri, colore blu metallizzato. Ho adorato quella macchina. Spesso era al centro delle controversie tra me e i miei fratelli.

Ma ci siamo mai chiesti come sia una vera BMW all'interno? Cosa si nasconde sotto il cofano del motore? O quale spirito si riflette nel design? Chissà, forse qualcuno allora avrebbe dovuto portarmi in un'officina e oggi avrei modificato le macchine insieme a Georg Schuster. Alla fine sono cresciuto e quando le macchinine non erano più interessanti, anche il mio amore per la piccola Z3 scomparve.

"Passeggiare per il BMW Welt è come tornare a casa", ha detto Schuster poco prima di entrare all'interno del centro espositivo. Suonava patetico e mi ha fatto sorridere nel mio intimo. Ma più cammino attraverso le sale con lui, più riesco a capirlo. È cresciuto con il marchio, collega ricordi e storie ad esso, attraversando alti e bassi nel suo lavoro.

"Sembra di essere in un film di fantascienza. Futuristico. Ed elettrico. Il reparto elettronico".
Matthias Kirsch

Devo pensare al Manchester United, la "mia" squadra di calcio, con la quale ho vissuto molte vittorie, sconfitte ed emozioni nel corso degli anni. Non mi viene la pelle d'oca ogni volta che entro allo stadio Old Trafford? È forse meno patetico?

Arriviamo all'angolo più lontano del BMW Welt. Sembra di essere in un film di fantascienza. Futuristico. Ed elettrico. Il reparto elettronico. A prima vista, le auto qui non sembrano essere affatto collegate a quelle che abbiamo visto nelle sale precedenti. Vedo che anche Georg Schuster è combattuto. "Un modello elettrico è sportivo almeno quanto un motore a benzina", afferma infine.

Anche lui, abituato alle auto veloci e potenti, è colpito dall'accelerazione delle nuove auto elettriche. Dopo una breve pausa, il suo previsto ma: "Certo che mi manca il rumore del motore." Guardo di nuovo la i8 e questa volta riconosco i due miei famosi conoscenti: il nodo di Hofmeister e il rene. Eccoli di nuovo. Anche in questi progetti futuristici, hanno trovato il loro posto.

E in mezzo a tutte queste macchine, improvvisamente mi sento stranamente commosso. Perché, naturalmente, queste due caratteristiche non sono necessarie nelle macchine ad alta tecnologia che in realtà rappresentano una nuova era nella storia automobilistica. Ma sono lì perché fanno parte del marchio BMW e fungono da orientamento per gli ingegneri. Una coerenza a cui ci si può aggrappare durante il cambiamento. Un'ancora emozionale.

Forse questo fa parte di ciò che ha attirato oltre 20 milioni di visitatori al BMW Welt negli ultimi dodici anni. La storia di un marchio che ha costantemente accompagnato e plasmato le persone negli ultimi cento anni. Non tanto quelli come Georg Schuster, l'Ultra, che conosce a memoria le modalità di vendita delle auto e che ha tenuto in mano ogni pezzo del motore

Ma la maggior parte dei visitatori che ha qualcosa in comune con questo mondo: Il nonno Isetta nelle foto dei vecchi album fotografici, il primo bacio sul sedile posteriore della 3 posti o persino una piccola Z3 che rotolava sul tappeto nella stanza dei bambini.

 

 

Testo: Matthias Kirsch; Foto: Frank Stolle
Top Stories
Monopteros in the Englischer Garten in Munich.

Il passaggio est-ovest

Monaco è un villaggio,  no?

Monaco è un villaggio in cui tutto si può scoprire a piedi. Lo si sente dire di continuo. Ma è vero? Lo abbiamo provato per voi.

A man with beard, glasses and a tattooed forearm is standing in the Neue Pinakothek in Munich.

Tutti i punti salienti in un unico tour

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco.

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro proposte di tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco. La nostra guida artistica per chi ha fretta.

Un piatto di maiale arrosto alla Gasthaus Fiedler

Panoramica: tutto sulla cucina bavarese

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora Monaco è il posto giusto!

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora siete nel posto giusto! Monaco può anche vantare il pub più famoso del mondo.

Tegernseer Hütte con la moglie sulle prealpi bavaresi intorno a Monaco.

10 min dalla stazione centrale

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

Una bicicletta si trova sulla Odeonsplatz di Monaco di Baviera.

Tour dei punti salienti

Un tour in bicicletta tranquillo che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Centro storico, Englischer Garten, lato a monte del fiume Isar, Deutsches Museum, Isartor, Alter Hof e ritorno a Marienplatz; un tour in bicicletta che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Un bicchiere di birra in un ristorante di Monaco

Dimmi cosa bevi...

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una piccola tipologia delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una piccola tipologia delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

7 curiosità che ancora non sapevate sulla Hofbräuhaus

Verissimo: è stato un prussiano a rendere famosa la Hofbräuhaus.

L'Hofbräuhaus è probabilmente il pub più famoso del mondo. Abbiamo raccolto sette cose che probabilmente non sapevate ancora. Oppure no?

Glockenspiel nel nuovo municipio di Monaco di Baviera.

Il Glockenspiel in dieci immagini

Uno sguardo esclusivo dietro le quinte.

Il carillon attira da oltre 100 anni i visitatori e gli abitanti del luogo. Quello che molte persone non sanno è che  qui il vero lavoro manuale è ancora fatto, giorno dopo giorno, proprio come in passato.

Employees of Munich Tourism in costume in the Bavarian Outfitters in Munich

Da dirndl vintage e pantaloni di pelle di cervo

Dall'usato ai grandi magazzini tradizionali - ci siamo cimentati nella scelta dei costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Seconda mano, etichetta locale, grande magazzino tradizionale e servizio di prestito - ci siamo cimentati nella selezione di costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

A view of a church reflected in a shop window in Munich.

Il paradiso dello shopping

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Uomo e donna in canoa sull'Isar.

Isar-Roamers

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Una giovane donna sorride nel Valentin-Karlstadt-Musäum di Monaco.

Mostre di qualità

Il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Dalla Residenz al museo della birra e all'Oktoberfest: il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Munich Card e City Pass

Semplicemente Monaco: Arte e natura a portata di mano risparmiando tempo e denaro.

Trasporto pubblico incluso

Sconti con la Munich Card, price off con il City Pass

Online o negli uffici di informazione turistica

Prenota ora!