Monotteri nel Englischer Garten di Monaco di Bavaria

Il prato nel Giardino Inglese

Il verde perfetto

Il prato nel Giardino Inglese è impeccabile. Anche il nostro autore ha un giardino  e si domanda: come ci riescono? Telefonata a Bernd Rogge, responsabile tecnico del Giardino Inglese

L'invidia è la più elevata forma di riconoscimento. E tutti, proprio tutti i giardinieri non professionisti dovrebbero provare invidia, entrando nel Giardino Inglese. Perché, accidenti, il prato è così perfetto qui? Perché l'erba è soffice come il velluto e anche in piena estate è ancora di un verde così brillante, che si dovrebbe inventare un termine apposito per definirne il colore? Come mai qui il prato non sembra comportare un lavoro continuo, come accade al proprietario di un giardino privato con  muschio, erbacce e aree brulle? Usa il fertilizzante perfetto qui? O la più nobile varietà di erba del mondo? Qual è la pozione magica? Dov’è il trucco?

Telefonata a Bernd Rogge, responsabile tecnico del Giardino Inglese. Una chiamata sembra più facile di quanto effettivamente non sia. Per settimane Bernd Rogge non è raggiungibile al telefono. Perché lui, l’artista del prato, è così arrogante? Forse non vuole rivelare il suo segreto? È più probabile che Bernd Rogge sia un uomo molto impegnato  e troppo modesto per darsi grande importanza. Dopotutto, un prato non è niente di speciale, afferma Rogge, quando finalmente riusciamo a parlargli.

Per settimane Bernd Rogge non è raggiungibile al telefono. Perché lui, l’artista del prato, è così arrogante? Forse non vuole rivelare il suo segreto?

“Tranne che al polo nord e al polo sud, l’erba è presente in ogni zona climatica, rappresenta la maggior parte della vegetazione del pianeta.” Naturalmente Rogge ha ragione. L’erba, camuffata con nomi diversi, quali steppa, savana, pampa e prateria, ricopre più di un terzo della superficie terrestre. Il Giardino Inglese si estende per 417 ettari, è più grande del Central Park di New York e del londinese Hyde Park e appare come una steppa all’interno della città - una steppa di infinita bellezza.

Il ruscello Eisbach, che si snoda attraverso il Giardino Inglese, il tempio Monopteros, il Biergarten della Torre Cinese, le alte latifoglie, i cui rami si muovono pittoreschi al vento - tutto questo dà vita al Giardino Inglese. E nulla sarebbe possibile senza la base, il terreno, su cui ogni cosa giace: il prato, un morbido tappeto naturale, che annuncia ad ogni visitatore, che sia nativo di Monaco o un turista: qui sei il benvenuto, togliti le scarpe, siediti, sdraiati, niente ti disturberà qui o ti pungerà la schiena, rilassati, ecco il tuo salotto pubblico, il tuo spazio verde.

Bernd Rogge parla lentamente e con precisione, sembra che stia leggendo da una cartella, ma in realtà ha tutti i numeri in testa.

Circa 70 dipendenti si prendono cura del Giardino Inglese, non vi sono solo giardinieri, ma anche fabbri, meccanici, falegnami e pittori, che dipingono le panchine e i bidoni della spazzatura. E naturalmente il personale amministrativo, dagli uscieri al consiglio di amministrazione. Tutte persone molto competenti secondo Rogge – tuttavia non sono certo maghi dotati di strumenti o poteri magici. “In passato, i semi che cadevano fuori dai fienili venivano semplicemente raccolti e seminati. Ancora oggi ci sono aree più ostili nel Giardino Inglese, che di tanto in tanto devono essere riseminate. Utilizziamo semplicemente diverse miscele di semi standard secondo la norma DIN 18917, che sono reperibili in ogni negozio di ferramenta. Ogni anno acquistiamo da 80 a 100 sacchi da dieci chili di semenza, una miscela di una grande varietà di semi standard.“

Bernd Rogge parla lentamente e con precisione, sembra quasi leggere da un documento, ma in realtà conosce tutti i dati a memoria e sa anche quanti steli d’erba crescono in un metro quadrato del Giardino Inglese: variano da 80.000 a 100.000. In tutto il Giardino Inglese, ci sarebbero quindi da 30 a 40 miliardi di fili d’erba. Nessuno è esattamente uguale all’altro e tutti insieme formano una superficie delicatamente ondulata, con innumerevoli sfumature di verde.

Le persone amano osservare il mare. La vista mare è pressoché l’unica cosa che Monaco non può offrire. In effetti, può rendere altrettanto felici osservare i prati sinuosi del Giardino Inglese, nella morbida luce di un pomeriggio, alla luce della luna, al mattino con la rugiada che brilla come migliaia di diamanti, dimenticati nell’erba da migliaia di belle donne di Monaco.

“La gente viene qui per incontrarsi, lasciarsi meravigliare e stupire, le persone di ogni ceto devono potersi riunire qui e muoversi formando lunghe file colorate, mentre i più piccoli saltellano vicino a loro”, scrisse Friedrich Ludwig von Sckell, che all'inizio del XIX secolo completò il Giardino Inglese. Nel Giardino Inglese le persone osservano non solo la natura, ma anche gli altri osservatori della natura ed è proprio questo il lato affascinante. Tutt’oggi, il parco rappresenta la zona più metropolitana di Monaco.

“Tagliamo spesso l’erba. A maggio e giugno anche due volte a settimana“, dice Bernd Rogge. Finalmente sembra propenso a rivelare i suoi segreti.

In un fine settimana vengono qui fino a 400.000 persone  e ovviamente non passeggiano solo sui sentieri. Di conseguenza, il prato deve essere robusto. Ogni giardiniere non professionista lo sa: se l’erba è troppo lunga, viene calpestata, se è troppo corta, può essere bruciata dal sole. “La lunghezza ottimale dell’erba è tra sei e dodici centimetri, come dopo il pascolo di cavalli e mucche nei prati agricoli. Tagliamo spesso l’erba. A maggio e giugno anche due volte a settimana. “Finalmente sembra propenso a rivelare i suoi segreti: “Che fertilizzante usa, Signor Rogge?” – “Non ne usiamo”. – “E quanto spesso annaffiate (e come si annaffiano 417 ettari)”? – “Non annaffiamo affatto.”

I proprietari di prati privati accendono l’irrigatore due o tre volte alla settimana durante l’estate. Questo, prosegue Rogge, può avere anche effetti negativi. L’erba, ristagnando, marcisce, dal momento che riceve acqua anche senza venir annaffiata. L’erba, che dopo la semina non viene annaffiata, sviluppa radici più profonde – non di rado anche fino a due metri – e in questo modo può affrontare più facilmente i periodi secchi.

“Molti proprietari tendono a spendere troppo per i propri giardini, troppa acqua, troppo fertilizzante”.
Bernd Rogge

Nei terreni sabbiosi e asciutti, diciamo ad esempio a Berlino, ciò non è sufficiente. In effetti, i parchi della capitale tedesca assomigliano spesso a dei deserti durante l’estate. Nel Giardino Inglese, invece, le falde acquifere sono relativamente alte. L’erba di Monaco si rifornisce da sé – e forse è per questo che cresce molto.

“Molti proprietari tendono a spendere troppo per i propri giardini, troppa acqua, troppo fertilizzante”, dice Rogge. Un parco si pone esattamente al confine tra natura e coltura, vuole essere curato, ma non si deve esagerare. La serenità è importante, dice tranquillamente Bernd Rogge. E la serenità è un’arte che si può imparare, ad esempio, durante una visita alla verdeggiante grandiosità del Giardino Inglese.

 

 

Testo: Jakob Schrenk; Foto: Redline Enterprises, Frank Stolle, Peter von Felbert
Top Stories
Monopteros in the Englischer Garten in Munich.

Il passaggio est-ovest

Monaco è un villaggio,  no?

Monaco è un villaggio in cui tutto si può scoprire a piedi. Lo si sente dire di continuo. Ma è vero? Lo abbiamo provato per voi.

A man with beard, glasses and a tattooed forearm is standing in the Neue Pinakothek in Munich.

Tutti i punti salienti in un unico tour

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco.

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro proposte di tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco. La nostra guida artistica per chi ha fretta.

Un piatto di maiale arrosto alla Gasthaus Fiedler

Panoramica: tutto sulla cucina bavarese

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora Monaco è il posto giusto!

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora siete nel posto giusto! Monaco può anche vantare il pub più famoso del mondo.

Tegernseer Hütte con la moglie sulle prealpi bavaresi intorno a Monaco.

10 min dalla stazione centrale

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

Una bicicletta si trova sulla Odeonsplatz di Monaco di Baviera.

Tour dei punti salienti

Un tour in bicicletta tranquillo che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Centro storico, Englischer Garten, lato a monte del fiume Isar, Deutsches Museum, Isartor, Alter Hof e ritorno a Marienplatz; un tour in bicicletta che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Un bicchiere di birra in un ristorante di Monaco

Dimmi cosa bevi...

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una piccola tipologia delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una piccola tipologia delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

7 curiosità che ancora non sapevate sulla Hofbräuhaus

Verissimo: è stato un prussiano a rendere famosa la Hofbräuhaus.

L'Hofbräuhaus è probabilmente il pub più famoso del mondo. Abbiamo raccolto sette cose che probabilmente non sapevate ancora. Oppure no?

Glockenspiel nel nuovo municipio di Monaco di Baviera.

Il Glockenspiel in dieci immagini

Uno sguardo esclusivo dietro le quinte.

Il carillon attira da oltre 100 anni i visitatori e gli abitanti del luogo. Quello che molte persone non sanno è che  qui il vero lavoro manuale è ancora fatto, giorno dopo giorno, proprio come in passato.

Employees of Munich Tourism in costume in the Bavarian Outfitters in Munich

Da dirndl vintage e pantaloni di pelle di cervo

Dall'usato ai grandi magazzini tradizionali - ci siamo cimentati nella scelta dei costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Seconda mano, etichetta locale, grande magazzino tradizionale e servizio di prestito - ci siamo cimentati nella selezione di costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

A view of a church reflected in a shop window in Munich.

Il paradiso dello shopping

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Uomo e donna in canoa sull'Isar.

Isar-Roamers

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Una giovane donna sorride nel Valentin-Karlstadt-Musäum di Monaco.

Mostre di qualità

Il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Dalla Residenz al museo della birra e all'Oktoberfest: il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Munich Card e City Pass

Semplicemente Monaco: Arte e natura a portata di mano risparmiando tempo e denaro.

Trasporto pubblico incluso

Sconti con la Munich Card, price off con il City Pass

Online o negli uffici di informazione turistica

Prenota ora!