Il modello plastico di un cuore umano, ingrandito molte volte

Il restyling del Deutsches Museum

Un cuore che batte per la scienza e la tecnica

L’8 luglio, dopo oltre cinque anni, riaprirà la prima parte del Deutsches Museum sull’Isola dei Musei, a seguito della più grande ristrutturazione nella storia quasi centenaria dell’edificio. Diciannove esposizioni completamente nuove attendono il pubblico, che potrà scoprire i capolavori della scienza e della tecnologia, dalla fisica atomica alla robotica. La nostra autrice ha esplorato il nuovo Deutsches Museum per voi.

Una visita al Deutsches Museum dopo il restyling

Quando Ferdinand von Miller inaugurò il Deutsches Museum, il 7 maggio 1925, si prestava molta attenzione a seguire il percorso prescritto attraverso le sezioni. Oggi si è liberi di immergersi nel mondo della scienza e della tecnologia, passando da una sezione all’altra a piacere. C’è una quantità enorme di cose da sperimentare, imparare e provare in prima persona. Ho scelto cinque sezioni per la mia prima visita dopo la riapertura, e vi ho trascorso tre ore istruttive e piacevoli.

Prima tappa: Sezione Chimica

La differenza c’è tra la chimica e la fisica? Spesso mi dicevano: “quando senti un odore nauseabondo e un’esplosione, allora è chimica”. A scuola non riuscivo a capire bene né l’una né l’altra. L’unica cosa che ricordo è la pelliccia di gatto impolverata su cui veniva strofinata un’asta metallica fino a farla scintillare. Mi rammarico di non aver avuto una mentalità più aperta all’epoca, ma la mia visita al Deutsches Museum dimostra che non è mai troppo tardi per appassionarsi a un argomento. Le vetrine con le spiegazioni formulate in un linguaggio molto chiaro invitano i visitatori a entrare nel mondo della scienza.

La chimica si basa sugli atomi, i suoi mattoncini da costruzione – si legge – e il loro schema è fondamentale per le proprietà di una sostanza. L’idrogeno rende i capelli biondi, l’acqua no: entrambi sono composti da atomi di idrogeno e ossigeno, ma in proporzioni diverse. Così è davvero comprensibile. Trovo i mattoncini della chimica, tra cui l’idrogeno e l’ossigeno, proprio accanto, sulla tavola periodica illuminata.

Quando senti un odore nauseabondo e un’esplosione, allora è chimica!

Nel laboratorio per i visitatori, insieme ad altri profani, ho assistito a un piccolo miracolo: una miscela di due sali viene accesa con l’aiuto di un cubetto di ghiaccio fino a formare una fiamma sottile e verdastra.

La chimica dà forma alla nostra vita quotidiana. Le mie scarpe da jogging, ad esempio, devono il loro sostegno duraturo e la loro buona ammortizzazione all’uso di sofisticati composti sintetici. La mostra spiega come le scoperte in campo chimico vengano utilizzate nell’alimentazione, nell’industria e nell’edilizia, senza tralasciare gli aspetti negativi, come l’inquinamento dell’ambiente causato dai rifiuti di plastica.

Il reperto più spettacolare? Per me è stato un semplice tavolo di legno con sopra gli apparecchi che hanno cambiato per sempre il mondo. Proprio su questo tavolo, il 19 dicembre 1938, il team guidato da Otto Hahn e Lise Meitner scoprì con sorpresa di aver scisso un atomo, cosa che ritenevano impossibile visto lo stato delle conoscenze dell’epoca.

 

Seconda sezione: Strumenti musicali

Nella sezione degli strumenti musicali viene mostrato il funzionamento di un organo costruito appositamente per il Deutsches Museum. All’inizio, la marcia “Pomp and Circumstance” di Edward Elgar sembra suonata da un pianoforte, poi lo strumento ruggisce violentemente aprendo i registri. Mi sono commossa, mi sono venute le lacrime agli occhi, e non me lo aspettavo in un contesto del genere. Due volte al giorno si tengono delle visite guidate durante le quali vengono suonati gli strumenti. I campioni sonori di 40 dei 250 oggetti esposti possono essere ascoltati anche attraverso la guida digitale o l’app gratuita del Deutsches Museum.

Il museo possiede anche un precursore del sintetizzatore, il cosiddetto trautonium, con cui Oskar Sala produsse i richiami e gli altri inquietanti effetti sonori per il film horror di Hitchcock “Gli uccelli”.

Il Deutsches Museum possiede strumenti musicali unici del XVI secolo e anche il leggendario esemplare di sintetizzatore “Moog IIIp” della fine degli anni Sessanta, con il quale i Beatles registrarono l’album “Abbey Road”. Poco dopo, Giorgio Moroder lo acquistò e vi registrò la celebre hit “I feel love” con Donna Summer nel suo studio, il Musicland di Monaco. Il museo possiede anche un precursore del sintetizzatore, il cosiddetto trautonium, con cui Oskar Sala produsse i richiami e altri inquietanti effetti sonori per il film horror di Hitchcock “Gli uccelli”. Un totale di circa 250 oggetti esposti raccontano la storia degli strumenti musicali dal Rinascimento ai giorni nostri. Infine, ho dato un’occhiata al deposito, dove ci si può fare un’idea del lavoro dietro le quinte.

Terza sezione: Elettronica

Indovinello. Brilla e luccica e cresce fin sopra le nostre teste. Cos’è? La soluzione all’enigma è la scultura fatta di rifiuti nel reparto di elettronica. Dal pavimento al soffitto, tutti gli scarti dei nostri tempi in rapida evoluzione turbinano come un tornado. Ciò che era di gran moda un momento fa, domani sarà obsoleto: cellulari, il buon vecchio Walkman, console di videogiochi, rasoi, calcolatrici, stampanti, schermi e – oh! – c’è anche il coloratissimo mangianastri di mia figlia appeso lassù! Faccio parte del regno del male!

Indovinello. Brilla e luccica e cresce fin sopra le nostre teste. Cos’è?

La coscienza sporca della nostra società usa e getta è interrotta da qualche slancio sentimentale e anche dal rammarico per essermi sbarazzata in modo così sconsiderato del computer Apple su cui ho scritto la mia tesi di laurea trent’anni fa. Oggi è esposto, tra l’altro, anche nella Neue Sammlung - The Design Museum della Pinakothek der Moderne. Qui al Deutsches Museum è possibile ammirare l’Apple-I, il computer che Steve Jobs e Steve Wozniak hanno costruito nel garage dei genitori e che ha gettato le basi per il gruppo Apple, un gigante da miliardi di dollari.

La sezione Riciclaggio della sezione mostra cosa succede al resto della gigantesca massa di attrezzature che non è riuscita a entrare nella scultura. Nel complesso viene illustrato lo sviluppo delle tecnologie elettroniche negli ultimi cento anni e il modo in cui ha influenzato la nostra società: dall’interruttore della luce al pacemaker, dallo smartphone all’automobile alla centrale elettrica.

 

Quarta sezione: Salute

Il viaggio attraverso il corpo umano inizia con una grande testa calpestabile, attorno alla quale sono raggruppate le isole tematiche su occhi, orecchie e denti. Il tour prosegue con un cuore su trampoli, dove si apprendono informazioni interessanti sul sistema cardiovascolare, fino agli arti e alle articolazioni. Sono entusiasta: qui, come nelle altre esposizioni, dopo la ristrutturazione e la ricostruzione tutto è all’insegna della chiarezza. La disposizione, gli oggetti esposti, i pannelli esplicativi e i tavoli multimediali, tutto è invitante, autoesplicativo e mai eccessivo. Per i piccoli visitatori c’è la civetta Milla, che li guida attraverso la mostra in un percorso speciale per bambini.

Il tema di questa esposizione dovrebbe essere di grande interesse per la maggior parte del pubblico. Qui vengono illustrati i metodi e gli strumenti che la farmacia e la tecnologia medica hanno messo a punto dalla metà del XIX secolo per curare le persone e mantenerle il più possibile in salute. L’incubatrice per batteri dell’ospedale Charité di Berlino, con cui nel 1881 Robert Koch scoprì l’agente patogeno della tubercolosi, è oggetto della mostra tanto quanto la minuscola fiala contenente il primo vaccino a base di mRNA contro il coronavirus, che ha impresso una svolta decisiva alla recente pandemia. Lo stato dell’arte e l’innovazione tecnica sono un altro punto di forza della tecnologia medica: lo si vede, ad esempio, in un robot in grado di inserire stent in un essere umano per dilatare i vasi sanguigni del cuore. È il robot a operare, il personale medico guida la procedura solo dallo schermo.

Signori! Questo non è un imbroglio!
Il chirurgo John Collins Warren, dopo essere riuscito a eseguire la prima operazione su un paziente anestetizzato con l'etere nel 1846.

In molte sezioni è possibile calarsi nei panni di dottori e dottoresse. In una prova di forza, simile a quelle del lunapark, mi stupisco di quanto sia difficile estrarre un dente, tanto è saldamente ancorato alla mascella. Un altro dispositivo mi permette di osservare da vicino il neo sul dorso della mano e trovo particolarmente originale la postazione in cui posso provare virtualmente un paio di occhiali degli anni Sessanta. Mi stanno alla grande!

L’esposizione documenta anche la prima operazione in anestesia, eseguita su un paziente dal chirurgo inglese John Collins Warren nel 1846. “Signori! Questo non è un imbroglio”, avrebbe annunciato al pubblico di esperti presenti, dopo che l’etere aveva sortito l’effetto desiderato. Una vera benedizione per l’umanità!

Quinta sezione: Immagine, scrittura, codici

I bisonti che i nostri antenati dipingevano sulle pareti delle caverne, la stampa tipografica di Gutenberg e gli emoji: sono tutti espressione dell’esigenza umana di scambiare informazioni. Affinché questo tipo di comunicazione funzioni, deve esserci un accordo sul significato delle immagini, dei segni o delle scritte. L’esposizione “Bild Schrift Codes” (Immagine, scrittura, codici) mostra e spiega i diversi segni e mezzi di comunicazione che l’uomo ha utilizzato per trasmettere messaggi dalle origini ai giorni nostri e ripercorre gli sconvolgimenti storici correlati. Uno dei punti focali sono le macchine da stampa dalla metà del XIX secolo alla “Planeta” del 1925, la cui velocità può essere osservata in dimostrazioni che hanno luogo periodicamente al museo.

I bisonti che i nostri antenati dipingevano sulle pareti delle caverne, la stampa tipografica di Gutenberg e gli emoji: sono tutti espressione dell’esigenza umana di scambiare informazioni.

In questo momento stiamo utilizzando principalmente Whatsapp e simili. Trovo meraviglioso che ci si metta d’accordo per iscritto, prima di telefonare. Ma perché gli adolescenti (e non solo) passano intere giornate a decifrare il senso dietro un messaggio criptico di Whatsapp invece di attivare la funzione di chiamata e parlare chiaro e tondo?

Le tecniche di cifratura e crittografia dall’antichità ai giorni nostri sono un altro tema importante dell’esposizione e molti oggetti hanno una storia emozionante da raccontare. Ad esempio, quella che a prima vista sembra una macchina da scrivere arrugginita è la rarissima “Schlüsselgerät 41” della Seconda Guerra Mondiale. È stata trovata dai cacciatori di tesori con i loro metal detector nei boschi di Aying, vicino a Monaco di Baviera, ed è stata utilizzata per trasmettere segretamente informazioni di rilevanza militare. L’intera storia del reperto, il mistero che avvolge la sua funzione e il contesto storico sono presentati in forma multimediale.

E questo mi porta quasi alla fine del mio piccolo tour individuale del nuovo Deutsches Museum, durante il quale ho esplorato solo un quarto delle nuove esposizioni. La mia visita si conclude con il proposito di tornare presto per vedere il resto. Per riassumere il mio entusiasmo, posso assicurarvi che, in tutti i dettagli delle esposizioni nel nuovo Deutsches Museum, si percepisce quanto i curatori tengano a risvegliare la gioia e una comprensione più profonda del mondo della scienza e della tecnologia. E ci sono riusciti.

www.deutsches-museum.de

 

E non è tutto. Con la München Card o il München City Pass potete risparmiare sull’ingresso e, se lo desiderate, il biglietto per il trasporto pubblico è incluso.

 

 

Text: Karoline Graf, Foto: Reinhard Krause, Hubert Czech
Top Stories
Monopteros in the Englischer Garten in Munich.

Il passaggio est-ovest

Monaco è un villaggio,  no?

Monaco è un villaggio in cui tutto si può scoprire a piedi. Lo si sente dire di continuo. Ma è vero? Lo abbiamo provato per voi.

A man with beard, glasses and a tattooed forearm is standing in the Neue Pinakothek in Munich.

Tutti i punti salienti in un unico tour

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco.

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro proposte di tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco. La nostra guida artistica per chi ha fretta.

Un piatto di maiale arrosto alla Gasthaus Fiedler

Panoramica: tutto sulla cucina bavarese

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora Monaco è il posto giusto!

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora siete nel posto giusto! Monaco può anche vantare il pub più famoso del mondo.

Tegernseer Hütte con la moglie sulle prealpi bavaresi intorno a Monaco.

10 min dalla stazione centrale

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

Una bicicletta si trova sulla Odeonsplatz di Monaco di Baviera.

Tour dei punti salienti

Un tour in bicicletta tranquillo che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Centro storico, Englischer Garten, lato a monte del fiume Isar, Deutsches Museum, Isartor, Alter Hof e ritorno a Marienplatz; un tour in bicicletta che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Un bicchiere di birra in un ristorante di Monaco

Dimmi cosa bevi...

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una piccola tipologia delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una piccola tipologia delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

7 curiosità che ancora non sapevate sulla Hofbräuhaus

Verissimo: è stato un prussiano a rendere famosa la Hofbräuhaus.

L'Hofbräuhaus è probabilmente il pub più famoso del mondo. Abbiamo raccolto sette cose che probabilmente non sapevate ancora. Oppure no?

Glockenspiel nel nuovo municipio di Monaco di Baviera.

Il Glockenspiel in dieci immagini

Uno sguardo esclusivo dietro le quinte.

Il carillon attira da oltre 100 anni i visitatori e gli abitanti del luogo. Quello che molte persone non sanno è che  qui il vero lavoro manuale è ancora fatto, giorno dopo giorno, proprio come in passato.

Employees of Munich Tourism in costume in the Bavarian Outfitters in Munich

Da dirndl vintage e pantaloni di pelle di cervo

Dall'usato ai grandi magazzini tradizionali - ci siamo cimentati nella scelta dei costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Seconda mano, etichetta locale, grande magazzino tradizionale e servizio di prestito - ci siamo cimentati nella selezione di costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Uomo e donna in canoa sull'Isar.

Isar-Roamers

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

A view of a church reflected in a shop window in Munich.

Il paradiso dello shopping

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Una giovane donna sorride nel Valentin-Karlstadt-Musäum di Monaco.

Mostre di qualità

Il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Dalla Residenz al museo della birra e all'Oktoberfest: il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Munich Card e City Pass

Semplicemente Monaco: Arte e natura a portata di mano risparmiando tempo e denaro.

Trasporto pubblico incluso

Sconti con la Munich Card, price off con il City Pass

Online o negli uffici di informazione turistica

Prenota ora!