A man is looking at a painting in a museum in Munich.

La gente di Monaco che ammira i quadri: Beckmann

Dettagli nascosti

Il nostro autore si è preso del tempo e ha dedicato quattro ore ad ammirare il dipinto "Großes Stilleben mit Fernrohr" di Max Beckmann alla Pinakothek der Moderne.

Devo anticipare subito una cosa: chiunque si aspetti un esame intellettuale dell'arte di Max Beckmann, o anche dell'arte stessa, da questo testo sarà amaramente deluso alla fine della lettura. È come chiedere a uno stambecco di analizzare il “Duineser Elegien” di Rainer Maria Rilke. Non ho alcuna idea dell'arte. Sono dovuto uscire con una storica dell'arte per scoprire che il “Blauer Reiter” non era affatto un ubriaco a cavallo. Bene, scioccato? Sì ... lo era anche lei.

Eppure sono seduto qui su una panchina imbottita nera nella Pinakothek der Moderne di Monaco, a fissare l'immagine di Max Beckmann "Großes Stilleben mit Fernrohr". Dovrei sedermi qui per almeno quattro ore e guardare il dipinto. E nel mentre osservare cosa questo significhi per me. Cosa noti quando ti dedichi davvero del tempo? Quali dettagli nascosti puoi scoprire? È un grande dipinto ad olio su tela, nel mio appartamento coprirebbe l'intero muro della cucina. Si dice che Beckmann abbia detto una volta: “Quando non sono al bar o a letto, dipingo quadri di dimensioni 5,5 x 4 m. In breve, mi comporto come è giusto e conveniente per una persona brillante.“ Il maestro non era decisamente umile.

Il quadro raffigura una donna su una sedia. È seduta di fronte a un tavolo rotondo su cui giacciono vari oggetti, tra cui quattro vasi di fiori. Accanto c'è un telescopio. Estraggo il taccuino dalla tasca posteriore e scrivo un'annotazione: "È sicuramente il compleanno della donna". Analizzare l'arte non è poi così difficile, penso e chiudo di nuovo il mio taccuino. Guardo l'ora sul mio cellulare. Solo dieci minuti circa. Ok.

Avrei dovuto prendere un panino e qualcosa da bere È permesso mangiare in un museo o funziona come a teatro? Un uomo più anziano scivola tra me e la natura morta e mi blocca la vista. Indossa pantaloni a pieghe grigi e un dolcevita nero. Questo sembra essere il codice di abbigliamento in un museo, perché molti degli altri visitatori nella stanza indossano lo stesso tipo di indumenti. All'Opera indossi un abito, in piscina un costume da bagno e dolcevita in Pinakothek. Da dove viene in realtà questa immagine intellettuale del dolcevita? Prendo di nuovo il mio cellulare e cerco su Google "dolcevita". Sulla rivista Online trovo un articolo a riguardo. I giovani bohémien lo indossavano a metà del XX secolo per prendere le distanze dai filistei in cravatta. Poi cerco su google Bohème e trovo il termine “Digital Boème" coniato da Sascha Lobo e in qualche modo mi ritrovo sulle valutazioni di Amazon per una macchina del pane. Dannazione, concentrati, Max!

"Analizzare l'arte non è poi così difficile, penso e chiudo di nuovo il mio taccuino. Guardo l'ora sul mio cellulare. Solo dieci minuti circa. Hmm."

un uomo di fronte a me incrocia le braccia sul petto e guarda la natura morta di Beckmann per un momento. Quindi annuisce lentamente e fa un passo verso il prossimo quadro. Ecco come si comporta la maggior parte dei visitatori. Mentre passano molto tempo davanti agli altri quadri, a questo gettano solo una rapida occhiata. Il mio quadro è come uno zio ubriaco a una riunione di famiglia. Rimani con lui per un breve periodo per cortesia, ma poi vai avanti. È troppo estenuante rispetto alle altre opere nella sala. Max Beckmann spesso dipingeva ritratti, volentieri anche di se stesso (come ho detto: la modestia non era il suo forte), come l'autoritratto "Selbstbildnis in Schwarz", anch'esso appeso qui. Quadri che funzionano hanno un impatto rapido. Come un vaccino antinfluenzale o uno shot di tequila. Non come il quadro davanti a me, dove ci si chiede per prima cosa: "Una donna? Un tavolo? Sotto c'è un oggetto arancione che sembra un cono stradale rovesciato e accanto ad esso un telescopio? E che storia è? "

Mi alzo dal mio posto di osservazione e vado vicino al quadro per dare un'occhiata più da vicino. Una guardia di sicurezza mi osserva. Probabilmente pensa: "Il ragazzo non indossa un dolcevita, significa guai."

"Bene, allora vediamo cosa abbiamo qui?" Borbotto tra me e me come il mio meccanico quando gli porto la macchina per un controllo. Noto i colori vivaci. Inoltre, la donna rappresentata indossa un turbante e metà del suo viso è nascosto dietro un ventaglio. In realtà, non fa trasparire caratteristiche di genere femminile. Perché ho pensato subito che fosse una donna? In che modo il pittore ha ottenuto questo effetto?
Hmm...
Bene...
Accidenti...
Buona domanda. Infine sfoglio di nuovo il mio taccuino e annoto: "La persona incrocia le gambe. Solo le donne lo fanno. E Markus Lanz ".

"Sul bordo destro noto la cornice nera di una porta con una maniglia e un mazzo di chiavi. Come se qualcuno avesse aperto questa porta per permettere allo spettatore di guardare all'interno della stanza."

Torno in postazione e tiro fuori dalla tasca il mio cellulare per cercare su Google ulteriori informazioni su Max Beckmann. Dopo essere nato a Lipsia nel 1884, divenne uno dei pittori più rispettati del suo tempo già a metà degli anni '30. Quindi i nazisti salirono al potere. Lo mandarono via dalla sua cattedra all'Università di Belle Arti di Francoforte e nel 1937 misero alla gogna il "Große Stilleben mit Fernrohr” e altri lavori della sua mostra "Entartete Kunst". Beckmann fuggì inizialmente ad Amsterdam e successivamente a New York, dove morì nel 1950. Oggi è uno dei più importanti artisti dell'arte moderna classica. Il suo dipinto "Hölle der Vögel" è stato messo all'asta nel 2017 per quasi 41 milioni di euro.

Tipica dei suoi quadri è sempre una certa oscurità, che onestamente non trovo sia molto sorprendente data la sua vita. In effetti, la natura morta "Große Stilleben mit Fernrohr" mi rende leggermente triste. Sebbene ci siano fiori sul tavolo e colori brillanti, la scena è malinconica. Accanto alla donna c'è una seconda sedia che è vuota e alla quale lei guarda. Forse è sola e nessuno è venuto per il suo compleanno? Mi avvicino di nuovo al quadro, da un lato per cercare dettagli che finora non ho visto, e anche perché il sedere inizia a farmi male.

Sul bordo destro noto la cornice nera di una porta con una maniglia e un mazzo di chiavi. Come se qualcuno avesse aperto questa porta per permettere allo spettatore di guardare all'interno della stanza. Il fatto che la donna guardi di lato e che la porta non sia completamente aperta fa sembrare che stiamo sbirciando segretamente dentro la stanza e che vi sia nascosto un segreto. Forse perché la donna è un travestito? Scrivo questo pensiero direttamente sul mio taccuino e mi siedo di nuovo.

Quando mi alzo quattro ore dopo, l'impronta del mio sedere è chiaramente visibile sul rivestimento della panca. Non sono riuscito tuttavia a rivelare il segreto del quadro. Ma non fa nulla: penso che neanche Max Beckmann lo prevedesse. Penso anche che sia questo il segreto del successo di questa opera d'arte, ovvero il fatto che offra così tante interpretazioni. Ma una cosa l'ho ancora imparata oggi: devi dedicare tempo ad un'opera d'arte in modo che l'atmosfera possa influenzare lo spettatore e fargli scoprire i piccoli dettagli nel quadro. Proprio come non ti scoleresti un vino di Borgogna di quindici anni in un attimo o dell'acqua minerale dopo una maratona in estate. Penso che ci sia qualcosa che rallenta nel mondo di oggi, in cui tutto accade così rapidamente e guardi le foto su Instagram solo per un massimo di un secondo, e poi le cancelli di nuovo Forse verrò alla pinacoteca più spesso in futuro per rilassarmi. Penso che sia meglio di quello che fa la mia ragazza. Va nel bosco e abbraccia gli alberi.

 

 

Testo: Maximilian Reich; Foto: Frank Stolle; Max Beckmann © VG Bild-Kunst, Bonn 2020
Top Stories
Monopteros in the Englischer Garten in Munich.

Il passaggio est-ovest

Monaco è un villaggio,  no?

Monaco è un villaggio in cui tutto si può scoprire a piedi. Lo si sente dire di continuo. Ma è vero? Lo abbiamo provato per voi.

A man with beard, glasses and a tattooed forearm is standing in the Neue Pinakothek in Munich.

Tutti i punti salienti in un unico tour

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco.

Classico, moderno, dignitoso, contemporaneo: quattro proposte di tour attraverso i musei e le gallerie di Monaco. La nostra guida artistica per chi ha fretta.

Un piatto di maiale arrosto alla Gasthaus Fiedler

Panoramica: tutto sulla cucina bavarese

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora Monaco è il posto giusto!

Ti va un po' di cibo bavarese? Allora siete nel posto giusto! Monaco può anche vantare il pub più famoso del mondo.

Tegernseer Hütte con la moglie sulle prealpi bavaresi intorno a Monaco.

10 min dalla stazione centrale

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

A Monaco potete raggiungere in pochissimo tempo cime montane, fantastici panorami alpini e prelibatezze per il palato. Un paio di suggerimenti.

Una bicicletta si trova sulla Odeonsplatz di Monaco di Baviera.

Tour dei punti salienti

Un tour in bicicletta tranquillo che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Centro storico, Englischer Garten, lato a monte del fiume Isar, Deutsches Museum, Isartor, Alter Hof e ritorno a Marienplatz; un tour in bicicletta che include i luoghi di maggior interesse del centro di Monaco.

Un bicchiere di birra in un ristorante di Monaco

Dimmi cosa bevi...

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una lista delle più importanti birre di Monaco - e dei loro amanti.

Starkbier, Festbier, chiara, scura, Pils: una lista delle più importanti birre di Monaco - e dei loro bevitori.

7 curiosità che ancora non sapevate sulla Hofbräuhaus

Verissimo: è stato un prussiano a rendere famosa la Hofbräuhaus.

L'Hofbräuhaus è probabilmente il pub più famoso del mondo. Abbiamo raccolto sette cose che probabilmente non sapevate ancora. Oppure no?

Glockenspiel nel nuovo municipio di Monaco di Baviera.

Il Glockenspiel in dieci immagini

Uno sguardo esclusivo dietro le quinte.

Il carillon attira da oltre 100 anni i visitatori e gli abitanti del luogo. Quello che molte persone non sanno è che  qui il vero lavoro manuale è ancora fatto, giorno dopo giorno, proprio come in passato.

Employees of Munich Tourism in costume in the Bavarian Outfitters in Munich

Da dirndl vintage e pantaloni di pelle di cervo

Dall'usato ai grandi magazzini tradizionali - ci siamo cimentati nella scelta dei costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Seconda mano, etichetta locale, grande magazzino tradizionale e servizio di prestito - ci siamo cimentati nella selezione di costumi tradizionali a Monaco di Baviera.

Uomo e donna in canoa sull'Isar.

Isar-Roamers

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

Da nessun’altra parte si scoprono i segreti dell’Isar meglio che in canoa. Siamo andati dunque a pagaiare.

A view of a church reflected in a shop window in Munich.

Il paradiso dello shopping

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Shopping in un ambiente architettonico di grande effetto: una passeggiata nel centro della città.

Una giovane donna sorride nel Valentin-Karlstadt-Musäum di Monaco.

Mostre di qualità

Il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Dalla Residenz al museo della birra e all'Oktoberfest: il centro di Monaco è un paradiso per gli amanti dei musei speciali. Una panoramica.

Munich Card e City Pass

Semplicemente Monaco: Arte e natura a portata di mano risparmiando tempo e denaro.

Trasporto pubblico incluso

Sconti con la Munich Card, price off con il City Pass

Online o negli uffici di informazione turistica

Prenota ora!